Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:47 - Lettori online 1048
RAGUSA - 17/05/2012
Attualità - Consiglio comunale e Comitato permanente per la Mobilità approvano ordine del giorno

Appello alla Regione: non smantellate la ferrovia Sr-Gela

Rischio ulteriore cememntificazione in centro se l’area dello scalo merci viene dismessa

Il consiglio comunale ed il Comitato permanente per la Mobilità, presieduto dal presidente della Provincia, Franco Antoci, suo vice Michele Tasca, hanno approvato il documento sulla revisione ed integrazione dell´offerta sulla tratta ferroviaria Siracusa – Ragusa -Gela. Il documento sarà inoltrato all’ assessorato regionale alla Mobilità e alle Infrastrutture, a Trenitalia ed a Rfi. L’ordine del giorno ribadisce la necessità di incentivare il traffico degli studenti pendolari, il turismo scolastico e quello stagionale grazie anche all’apertura della stazione di Donnafugata.

Tra i tanti interventi in aula, dopo la relazione di Pippo Gurrieri della Cub - Trasporti che da anni si batte per la valorizzazione della tratta ferroviaria, quello di Alessandro Tumino che ha messo in guardia sul pericolo dell’ennesima cementificazione nel centro della città. Questa evenienza sarebbe resa possibile se la ferrovia venisse smantellata e tutta l’area dello scalo merci diventasse edificabile. Peppe Calabrese, Pd, ha invece centrato l’attenzione sull’opportunità di realizzare parallelamente al nuovo tracciato della Ragusa Catania una linea ferroviaria nuova che colleghi la città a Lentini e quindi a Catania.

Nervosa e polemica la conclusione del dibattito visto che il presidente del consiglio Di Noia non ha concesso di intervenire a Giuseppe Lo Destro (Mpa) Sia Lo Destro sia il commissario cittadino Mpa, Giovani Cappuzzzello hanno segnalato in una nota il malessere dell’aula a distanza di pochi giorni della parola negata al consigliere Arestia da parte del sindaco: «Troppi rifiuti, troppi impedimenti, troppi diritti calpestati – sottolineano i due autonomisti in una nota congiunta – non è possibile che il regolamento del consiglio comunale venga stravolto in questo modo. Non si può imbavagliare la democrazia, nessuno se lo può permettere». Per Cappuzzello, in particolare, «è spiacevole constatare il decadimento del governo locale, ridotto ormai a sterili polemiche che nulla hanno a che fare con i quotidiani problemi dei cittadini».

Tornando al "nodo" ferrovia, l´ordine del giorno votato dai comuni iblei e dal Comitato permanente punta anche sull´incentivazione del traffico degli studenti pendolari, sul turismo scolastico e sul turismo stagionale con l´apertura della storica stazione di Donnafugata. Michele Tasca, altresì, è stato nominato vice presidente del Comitato.


Povera Ragusa
18/05/2012 | 11.54.37
Sergio Arezzo

Dovremmo prendere coscienza davvero tutti che il problema della dismissione della ferrovia è molto più grave di quel che viene comunemente avvertito. Significa volontà deliberata di mortificare un territorio e la sua economia, di svilire ulteriormente una provincia già negletta e renderla ancora più periferica...ma non vedo nessuno stracciarsi le vesti,tranne i soliti ostinati...Occorre maggiore partecipazione e indignazione


favolette?
17/05/2012 | 18.36.52
carmelo

. Il documento sarà inoltrato all’ assessorato regionale alla Mobilità e alle Infrastrutture, a Trenitalia ed a Rfi.
Sono gli stessi soggetti che due mesi fa hanno assicurato in un convegno a Ragusa la riedizione del Treno Barocco 2012 e che non appena tornati a Palermo... hanno dimenticato le promesse e la parola data.
Siamo in buone mani...