Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 817
RAGUSA - 14/05/2012
Attualità - In Italia premiate 246 spiagge e 131 comuni, in Sicilia solo 5 località, esclusa Modica

Bandiere blu a Marina di Ragusa, Pozzallo e litorale ispicese. E Modica?

Il riconoscimento della Fee premia anche Lipari e Menfi ma nessun’altra spiaggia siciliana
Foto CorrierediRagusa.it

La provincia di Ragusa conferma tre bandiere blu: sono quelle assegnate anche per il 21012 a Marina di Ragusa, Pozzallo e S. Maria del Focallo. Anche quest´anni Marina di Modica resta a bocca asciutta. Delle cinque bandiere blu 2012 in Sicilia ben tre sono ragusane, ma le spiagge modicane restano le escluse eccellenti. Le altre sono invece a Menfi e Lipari mentre scompare dalla lista Marina di Cottone nel comune di Fiumefreddo che era stato insignito dalla bandiera blu lo scorso anno.

Per Pozzallo, Marina di Ragusa ed Ispica, in particolare la spiaggia di Cirica che si aggiunge al litorale di S. Maria del Focallo, è una conferma di un trend ormai consolidato. La Sicilia non esce bene da questa iniziativa della Fee (Federation for Enviromental Education) visto che delle 246 spiagge italiane solo cinque sono siciliane a fronte di una costa estesissima. Anche la Sardegna non va bene perché ha solo sei spiagge. Trionfano invece la Liguria con 18 siti, seguita a ruota dalle Marche e dalla Toscana.

La bandiera blu non ha solo a che vedere con la qualità delle acque che è comunque uno dei criteri principali, ma anche con i servizi a favore dei bagnanti ela ecosostenibilità.

La Bandiera Blu è il riconoscimento internazionale che viene assegnato ogni anno in oltre 40 paesi sparsi tra Europa, Africa, Oceania, Asia, Nordamerica e Sudamerica. Fin dal 1987, anno europeo dell´ambiente, il programma è condotto dall´organizzazione no-profit Foundation For Environmental Education, in collaborazione con l´Organizzazione Mondiale del Turismo e il Programma delle Nazioni Unite per l´Ambiente (Unep). Per ottenere il simbolo blu i Comuni hanno inviato alla Fee Italia un questionario accompagnato da diversi documenti.

Il vessillo si distingue in due tipi: Bandiera Blu delle spiagge, che certifica la qualità delle acque di balneazione e dei lidi, e Bandiera Blu degli approdi turistici, con cui si assicura la pulizia delle acque vicine ai porti e l´assenza di scarichi fognari.