Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1602
RAGUSA - 30/04/2012
Attualità - La presenza dell’Associazione delle casalinghe voluta dal presidente della Repubblica

Giovannella Spina, ragusana, al Quirinale per il Moica

L’occasione è offerta dalla festa del 1 maggio e vedrà la presidente regionale quale componente la delegazione
Foto CorrierediRagusa.it

Giovannella Spina Barbagallo, ragusana, presidente regionale del Moica, il Movimento Italiano Casalinghe, sarà ricevuta al Quirinale dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano in occasione della festa del 1 maggio. La presidente siciliana delle casalinghe, è componente della ristretta delegazione ufficiale del Moica , guidata dalla presidente nazionale Tina Leonzi e dalla vicepresidente Camilla Occhionorelli.

E’ stato il presidente Napolitano a volere la delegazione del Movimento Italiano Casalinghe per rappresentare il lavoro domestico alla stregua del lavoro dipendente che sarà rappresentato dalle delegazioni dei sindacati nazionali.

«Da tre anni a questa parte – spiega Giovannella Spina Barbagallo, presidente regionale Moica Sicilia – il presidente Napolitano invita per questa occasione speciale di grande riflessione, anche la delegazione delle casalinghe a testimonianza dell’importante valore del lavoro che queste donne svolgono all’interno del focolare domestico, divenendo fulcro centrale della famiglia, una famiglia, in questa particolare fase di crisi, che va guidata esattamente come un’azienda".

Al termine della cerimonia ufficiale avremo modo di intrattenerci con il capo dello Stato a cui senz’altro ricorderemo di intervenire per sollecitare il Governo Monti nell’adozione di alcuni provvedimenti. Il Moica ha proposto modifiche alle leggi 565/96 sul trattamento previdenziale e legge 493/99 sulla prevenzione e copertura in casi di infortuni domestici necessarie a migliorare normative che, pur importanti sul piano del principio, sono carenti sul piano delle prestazioni. Altro grave e delicato problema posto sul tappeto è stato quello del trattamento di reversibilità, per il quale il Moica ha raccolto firme a conferma di quanto la situazione del coniuge superstite sia sentito e vissuto con sofferenza».

(nella foto: a sin. la presidente nazionale Moica Tina Leonzi e la presidente regionale Giovannella Spina Barbagallo)