Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 327
RAGUSA - 21/04/2012
Attualità - Il regolamento dei "dehors" approvato all’unanimità dal consiglio comunale

Fine della giungla in città. Bar e ristoranti più decorosi

Saranno unifornmati materiali e colori per rendere la città più attraente

Una città più ordinata ed elegante. L’approvazione del regolamento che disciplina l’installazione di pedane, tettoei, panche, ombrelloni contribuirà a rendere più omogeneo ed attraente il centro storico spazzando via sedie di plastica, i tanti colori fin qui utilizzati, e mettendo un freno alla fantasia di alcuni titolari di caffè e ristoranti.

Sarà dunque un tocco in più per la città ma per arrivare a questo traguardo ci sono volute tre sedute del consiglio e tante polemiche tra l’assessore Sonia Migliore e le opposizioni. Alla fine il regolamento è stato approvato all’unnaimità. «La regolamentazione dell´installazione dei dehors – spiega il capogruppo dell´Udc, Filippo Angelica – consentirà di esaltare l´immagine dell´attività commerciale promotrice e di aumentarne la visibilità sul mercato. L´atto, proposto dall´assessore, Sonia Migliore era necessario anche per continuare una strategia d´azione a sostegno del mondo commerciale, guardando soprattutto alla semplificazione amministrativa, con meno burocrazia e tempistica ridotta per il rilascio delle autorizzazioni».

Il nuovo regolamento sui dehors è venuto incontro anche a specifiche esigenze dei commercianti: «È previsto – continua Angelica – tra l´altro l´ampliamento delle zone di pertinenza. E non solo nei centri storici ed a Marina. Così si ridurrà anche l´abusivismo. Siamo certi che il regolamento stimolerà le iniziative imprenditoriali e contribuirà a migliorare l´offerta all´utente, stimolandone i consumi».