Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 723
RAGUSA - 12/04/2012
Attualità - Dopo il sì della Ue al finanziamento di 197milioni di euro per i tre lotti da Rosolini a Modica

Entusiasmo per autostrada. Ora via al lotto Modica - Scicli

Per i sindacati ci sono quattro anni di lavoro per tutto il comparto edile e delle forniture
Foto CorrierediRagusa.it

Gara d’appalto entro l’estate ma bisogna pensare subito al lotto Modica- Scicli. La notizia dell’avvenuto finanziamento di 197 milioni di euro per i lotti 6, 7, 8 della autostrada Siracusa Gela (nella foto) che congiungeranno Rosolini a Modica ha dato fiducia e creato un certo entusiasmo nell’ambito politico e sindacale.

L’appalto dei lavori infatti, al di là dell’ulteriore allungamento autostradale nella Sicilia sud orientale significherà anche occupazione. La Fillea Cgil, la Filca Cisl, e la FeNEAL Uil avevano organizzato lo scorso 18 febbraio una inaugurazione virtuale del tratto autostradale in questione e non possono ora che plaudire all’avvenuta via libera.

Dicono i sindacati in un documento congiunto: «L’appalto che speriamo prossimo sarà una grande occasione per il comparto edilizio, stremato oggi dalla crisi di commesse e da una disoccupazione non più sopportabile che sta mettendo in gravissima difficoltà tantissime famiglie, per un rilancio dell’occupazione per migliaia di operatori del settore, tra diretto ed indotto, per almeno quattro anni.» E’ questo infatti il ritorno in termini occupazionali della costruzione dei tre lotti. In cantiere c’è anche il lotto 9 che dovrà collegare Modica con Scicli. E’ l’idea di Nino Minardo che ha già incontrato i funzionari dell’Anas che dovranno chiudere al più presto i progetti esecutivi.

Nino Minardo conferma che l’Anas è in grado di consegnare i progetti dei tre lotti in tempi brevi per poi passarli al Consorzio Autostradale Siciliano, Cas, cui spetterà il compito di pubblicare il bando di gara. Dice Nino Minardo: «Nel frattempo dobbiamo impegnarci a reperire la parte mancante del finanziamento necessario per la realizzazione del lotto 9 fino a Scicli che auspichiamo si ridurrà grazie alle risorse che si otterranno dai ribassi d’asta e che si sommeranno ai 70 milioni di euro già stanziati e disponibili».

Da parte sua Roberto Ammatuna conferma la road map che poterà al bando di gara. Dice il deputato Pd: «Non appena arriverà l’informativa formale dell’approvazione, la Programmazione regionale trasmetterà il tutto all’Assessorato Regionale alle Infrastrutture che a sua volta lo girerà all’Anas affinché possa procedere all’approvazione del progetto esecutivo, redatto dal Consorzio Autostrade Siciliane, già in suo possesso. Non appena ciò avverrà, l’Assessorato Regionale alle Infrastrutture potrà emanare il decreto di finanziamento dell’opera e si potrà, quindi, procedere con la gara d’appalto, che verosimilmente dovrebbe essere indetta per la prossima estate.

Anche se a rilento ci si sta avvicinando alla meta. Sarà mia cura, già dai prossimi giorni, attivarmi presso la Programmazione regionale e l’Assessorato regionale alle Infrastrutture per monitorare l’iter ed evitare qualsiasi intoppo che possa rallentare la realizzazione del tratto ragusano della Siracusa-Gela».

Anche Riccardo Minardo si sente coinvolto ed in prima fila per seguire da vicino l’iter della pratica in sede regionale.



sblocco lavori autostrada SR-GELA
28/04/2012 | 16.38.05
anonimo

Relativamente all´autostrada SR-GELA, siamo un gruppo di funziona-ri del versante Nisseno (Gela, Butera, Niscemi), e ci spostiamo quotidianamente per lavoro nelle province di Ragusa e Siracusa. Cosa fanno i nostri rappresentanti istituzionali, e cioè ammini-stratori locali, nonchè politici regionali e nazionali, per sbloc-care finalmente questa infrastruttura autostradale, importantissi-ma per il progresso, anche da questo versante della Provincia di Calt/tta, affinchè i lavori possano finalmente partire contestual-mente pure da Gela (ovviamente previ gli altri adempimenti), onde incentivare (sicuramente!) lo sviluppo economico, culturale, turi-stico etc. di queste (le nostre e loro) popolazioni, e renderci così migliore (lor compresi) la qualità di vita? Anche gli antichi Romani annettevano primaria importanza alle infrastrutture, con-vinti che la chiave, il segreto dello sviluppo dei popoli risiede solo in due cose (affermavano): e cioè acqua e comunicazioni (il resto viene dopo automaticamente), e ciò addirittura 2.000 anni fa! Infatti "in primis" costruivano acquedotti e strade: le famose CONSOLARI (APPIA, AURELIA, che attraversava persino la Francia, la Flaminia le Alpi, etc.). Signori amministratori e politici della nostra provincia di Caltanissetta, datevi dunque finalmente SUBITO una scossa anche voi; agite, come stanno facendo dall’altra parte i vostri omologhi e bravi RAGUSANI (riuscendoci), e vogliamo ri-sposte...concrete!!