Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 623
RAGUSA - 09/04/2012
Attualità - Centri storici di Ibla, Scicli e Modica pieni di turisti

Il vento di Pasquetta non ha fermato l´esodo verso il mare

Traffico fluido tenuto sotto controlloi dalle pattugloie di Polstrada e Carabinieri
Foto CorrierediRagusa.it

Il vento ha caratterizzato il Lunedì di Pasqua nella Sicilia sud orientale. Le condizioni del tempo sono migliorate nel pomeriggio con l’attenuazione delle raffiche ma le temperature si sono abbassate anche sotto i 10 gradi al calar del sole. Condizionati di conseguenza gli spostamenti dei vacanzieri che avevano programmato gite fuori porta.

Molti hanno preferito restare negli agriturismo dopo il pranzo e si sono concessi una passeggiata solo nel tardo pomeriggio. Le località di mare sono state le più penalizzate perché il vento ha soffiato più intensamente lungo la costa. Marina di Ragusa (nella foto: l´area del porto) è stata al di là di tutto la località più affollata soprattutto nel pomeriggio con la gente che si è riversata al lungomare ed al porto dove i negozi sono rimasti aperti.

Qualche giovane avventuroso ha anche sfidato il mare grigio ed è uscito in wind surf cavalcando le onde lunghe sotto gli occhi attenti di parenti ed amici. La fascia giovanile della provincia ha scelto il sito di Valle Ventura dove sono stati allestiti spettacoli di musica, barbecue e tante attività. Nei centri storici barocchi turisti in buona quantità soprattutto nel pomeriggio con bar e ristoranti pieni; non tutti i monumenti e le chiese sono rimaste aperte con qualche delusione da parte di quanti avevano programmato le visite.

Ibla, Scicli, Modica hanno registrato numerose presenze ma alle prime luci della sera le comitive hanno lasciato le città per il rientro a casa. Il traffico è stato fluido in tutte le ore del giorno e non si sono registrati intasamenti anche perché le presenze sono state complessivamente inferiori alle attese. Le pattuglie delle volanti e dei carabinieri hanno vigilato lunghe le strade della provincia tenendo sotto controllo soprattutto gli ingressi delle città marinare.