Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 817
RAGUSA - 01/04/2012
Attualità - Il procuratore Petralia e il direttore Porrello snelliscono procedure burocratiche

Meno burocrazia fra Procura e Inps grazie alla firma di protocollo intesa

Riduzione dei tempi di procedimento e meno funzionari Inps durante le udienze penali
Foto CorrierediRagusa.it

Il procuratore della Repubblica, Carmelo Petralia, e il direttore provinciale dell’Inps di Ragusa, Michele Porrello (nella foto da sinistra verso destra), hanno sottoscritto un protocollo d’intesa tendente ad ottimizzare e razionalizzare meglio l’adempimento relativo al reato di cui all’art. 2, comma 1 bis della legge 638/1983 (mancato versamento della quota dei contributi dovuti dai datori di lavoro in favore dei propri dipendenti).

Le finalità dell’accordo, oltre a una maggiore collaborazione fra le due amministrazioni pubbliche impegnate fortemente sul tema del rispetto della legalità e dei diritti dei cittadini, tendono a ridurre la presenza di funzionari Inps durante le udienze penali in qualità di testimoni, nonché la trasmissione alla Procura del maggior numero di informazioni utili al procedimento penale; per la Procura, invece, la riduzione dei tempi dei procedimenti di sua competenza e un flusso ordinato di denunce provenienti dall’Inps.

Per raggiungere gli obiettivi fissati nel protocollo, l’Inps si impegna a trasmettere con cadenza mensile le denunce le ipotesi di reato e a non richiedere la «notizia formale» dell’eventuale archiviazione delle notizie di reato; mentre la Procura, nella generalità dei casi, non richiederà la citazione in giudizio di un funzionario dell’Inps come teste a conferma delle circostanze documentalmente rappresentate. Il protocollo d’intesa decorre dal 2 aprile e sarà soggetto ad eventuali modifiche che le parti concorderanno.