Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 989
RAGUSA - 18/03/2012
Attualità - Animata assemblea nella sede centrale dell’istituto con l’assessore provinciale alla P.I.

Gli studenti del "Vico" vogliono una nuova sede

Quella attuale di via Prampolini è ritenuta "inadeguata e non a norma"

Genitori e studenti del «Vico» non demordono. Dopo la protesta ed il mancato svolgimento delle lezioni nel corso della settimana vogliono risposte dall’amministrazione provinciale perché la sede di via Prampolini non è «a norma ed adeguata».

Genitori e studenti chiedono dunque un nuovo edificio al posto di quella attuale , e per il prossimo anno scolastico un´unica struttura, al posto delle tre attualmente attive, capace di ospitare tutte le classi dell´istituto "Vico". La richiesta è stata avanzata all’assessore alla P.I. Riccardo Terranova nel corso di un incontro molto animato tenutosi nella sede centrale dell’istituto.. Gli oltre trecento studenti delle 15 classi ospitate in via hanno illustrato all´assessore la situazione ed i relativi disagi.
Le richieste sono state puntualizzate in un documento inviato a viale del Fante dai rappresentanti sindacali dell´istituto e del corpo docente, in cui sono spiegate nei dettagli sia le difficoltà strutturali della succursale di via Prampolini, sia quelle quotidiane causate dallo spostamento nelle tre sedi dell´istituto, per laboratori ed attività ginniche.

«Chiediamo – scrivono gli studenti - che gli alunni ospitati in via Prampolini abbiano una sede idonea per il completamento dell´anno scolastico e che, per il successivo, si provveda a reperire una sede unica capace di accogliere tutte le classi dell´istituto o, in alternativa, un´unica succursale al posto delle due attuali». Ad anno scolastico ormai verso la conclusione la richiesta di una nuova sede sembra tuttavia fuori tempo massimo e sembra perlomeno complicato che l’amministrazione provinciale possa reperire in tempo utile una nuova sede soprattutto con le caratteristiche chieste dagli studenti.

La vicenda

Protestano genitori e studenti della sede distaccata dell´istituto magistrale "Vico" di via Prampolini. Da lunedì scorso, la struttura, che ospita 300 alunni in 15 classi, è chiusa per interventi di messa in sicurezza del tetto a causa dei danni provocati dal maltempo.

Nonostante i lavori siano stati conclusi ieri mattina gli studenti non hanno fatto ingresso nell´istituto, chiedendo ulteriori interventi di sistemazione delle aule perché ritengono che la struttura non è adeguata alle attività scolastiche.

Il dirigente scolastico, Rosario Sgarlata, ha accolto le istanze di genitori e studenti, manifestando piena disponibilità a sollecitare interventi immediati o, in alternativa, trovare altri locali idonei ad ospitare le sezioni distaccate. Le classi pertanto sono state trasferite nella sede centrale, per consentire la prosecuzione delle attività didattiche: «I genitori e gli studenti – spiega Sgarlata – protestano per il freddo e l´umidità presenti nelle aule. La situazione, a mio avviso, non è tale da impedire l´attività scolastica, ma, altrettanto giustamente, la struttura viene da loro considerata inadeguata. Pertanto chiederò all´assessorato provinciale di trovare soluzioni idonee».