Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1144
RAGUSA - 04/03/2012
Attualità - Le indagini della Polizia municipale

Discarica in via Palermo, denunciati 3 romeni

I tre sono stati identificati attraverso i veicoli utilizzati per il trasporto dei rifiuti Foto Corrierediragusa.it

La zona di via Palermo, a ridosso della scarpata di via Mariannina Schininà, era diventata una discarica abusiva di rifiuti speciali e non di qualsiasi tipo (foto). Era "alimentata" da tre romeni, scoperti dagli agenti della Polizia municipale, denunciati per violazione del testo unico in materia ambientale. Si tratta di A.M., 35 anni, P.I., 20, e B.F.C., 21. I tre sono stati identificati attraverso i veicoli utilizzati per il trasporto dei rifiuti.

Le indagini della Polizia municipale vanno avanti da qualche giorno. Dopo aver scoperto la discarica, proprio alle spalle di villa Margherita, i vigili hanno attivato un monitoraggio dell´area, portato avanti anche da personale in abiti civili. E questo ha consentito di verificare "sul campo" il tipo di attività che veniva svolta in quella zona, trasformata in una discarica.
E´ stato appurato che l´area veniva utilizzata come centro di stoccaggio da parte di un gruppo di rumeni, che, dopo aver raccolto rottami ferrosi in diverse zone della città, li depositavano in via Palermo, dove, poi, procedevano allo smontaggio per il recupero delle parti riutilizzabili. Il resto, veniva abbandonato sul posto.

Nell´area sono stati trovati rottami ferrosi, bombole di gas, batteria di auto, elettrodomestici dismessi, cavi elettrici, fusti, reti metalliche, biciclette arrugginite, marmitte ed una motoape in abbandono. Trovati anche bulloni, residui di tubazioni in ferro e riscontrate, inoltre, ampie chiazze di olio.
Le conferme ai sospetti sono arrivate dalla presenza di due autocarri carichi di rottami ferrosi e rifiuti di vario genere. I due mezzi sono stati posti sotto sequestro. Dopo la denuncia dei tre rumeni, è scattata la bonifica dell´area.