Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:38 - Lettori online 890
RAGUSA - 24/02/2012
Attualità - Pronto il primo stralcio per mille 160 loculi con costi a carico dei richiedenti

Sette milioni per 3mila 320 loculi nei 3 cimiteri di Ragusa

L’ufficio contratti del Comune, ha già inviato le raccomandate ai richiedenti, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande

Oltre 3mila loculi nei tre cimiteri della città. I 3mila 320 loculi non basteranno a soddisfare le quattro mila domande presentate ma daranno una buona risposta ai cittadini in attesa da un ventennio.

L’amministrazione comunale investirà complessivamente sette milioni di euro ma il primo stralcio prevede la costruzione di mille 160 loculi così suddivisi: 730 ad Ibla, 360 nel cimitero centrale e 70 a Marina di Ragusa. Il cimitero di Ibla farà comunque la parte del leone perché alla fine 2mila 300 saranno i nuovi loculi nel cimitero del quartiere barocco, 900 a Ragusa centro e 120 a Marina.

Le spese, a carico totale degli assegnatari andranno da un minimo di mille 800 euro ad un massimo di 2mila 350. Meno care le cellette perché le cellette vanno da 437 a 598 euro. L´ufficio contratti del Comune, ha già inviato le raccomandate ai richiedenti, secondo l´ordine cronologico di presentazione delle domande. Gli interessati, verseranno una caparra con polizza fideiussoria per l´inizio dei lavori, e potranno optare tra rateizzazione o pagamento in un´unica soluzione.

Sul sito internet del Comune, sarà possibile verificare in tempo reale l´effettiva disponibilità delle varie tipologie. I dettagli sono stati illustrati in sede di conferenza stampa dal tecnico del progetto, Francesco Rosso: «Entro il 2012, dovremmo completare il primo lotto. Le strutture saranno realizzate con prefabbricati composti da elementi modulari, per garantire maggiore elasticità ed economicità, rispetto alle strutture in cemento armato. Inoltre, stiamo avviando il nuovo sistema di illuminazione votiva da fotovoltaico, nelle tre strutture cittadine».