Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 947
RAGUSA - 24/02/2012
Attualità - Centinaia gli interventi dei Vigili del Fuoco, strade provinciali in condizioni precarie

Il maltempo ha messo a dura prova tutta la provincia

La Protezione Civile è intervenuta in molti casi contribuendo ad alleviare i disagi, Irminio ed Ippari ingrossati

Dopo i due giorni di maltempo che hanno flagellato la provincia si cominciano a fare i primi bilanci. Il miglioramento delle condizioni atmosferiche ha aiutato anche a ripristinare le condizioni della viabilità sulle strade della provincia messe a dura prova dalla abbondante pioggia. Il centralino dei Vigili del Fuoco dei vari distaccamenti, Modica e Vittoria, è stato bollente per richieste di intervento per prosciugare bassi e scantinati, allagati dall´acqua.

Questo tipo di attività è andata avanti anche quando la pioggia ha smesso di cadere, perché il centralino del comando provinciale aveva accumulato una quantità tale di richieste impossibili da evadere con tempestività.

Il sistema messo a punto dalla Protezione civile, comunque, ha retto ed ha funzionato alla perfezione. Gli unici danni segnalati sono nel capoluogo ibleo, dove una parte di un costone, in via Risorgimento, proprio all´uscita dalla città, ha ceduto, riversando sulla sede stradale detriti di ogni tipo.

Il rischio di cedimento era stato notato dai volontari della protezione civile nel corso della scorsa notte e, per tale motivo, era stato subito predisposto un intervento tampone, che ha consentito di limitare i danni. Nella tarda mattinata, poi, quando le condizioni meteo lo hanno consentito, tutta la zona è stata recintata, in attesa di assumere i provvedimenti manutentivi del caso mentre per il momento è stato necessario installare i semafori per regolare il traffico.

Un altro piccolo smottamento si è registrato lungo la stessa via Risorgimento, ma un po´ più in basso: pietre e terra, per fortuna, sono state frenate dalla folta vegetazione della zona. Anche in questo caso, la Protezione civile comunale ha provveduto a transennare l´area interessata dal crollo, ma senza creare problemi alla viabilità.

Pesanti le ripercussioni sulle strade di un po´ tutta la provincia. Il tappetino di asfalto è saltato in molte arterie, lasciando profonde buche. Ciò si è verificato sia sulle strade cittadine, che sulle statali Ragusa-Modica e Ragusa-Comiso, sia su parecchie arterie di competenza della provincia.
In alcuni casi, la situazione di pericolo che si è venuta a determinare è particolarmente preoccupante, tanto che le squadre di operai hanno proceduto ad apporre la segnaletica di pericolo, onde evitare guai ancora peggiori.

Nel capoluogo, le situazioni più a rischio sono state riscontrate lungo viale delle Americhe, la strada che consente di accedere alla statale per Catania, e via Fieramosca, che collega con Santa Croce Camerina e la fascia costiera. Numerosi gli allagamenti anche nella fascia costiera del territorio ibleo. Anche in questo caso, però, non si sono sono resi necessari soccorsi ad automobilisti.

I fiumi Irminio e Ippari, i maggior corsi d´acqua della provincia, sono notevolmente ingrossati, ma non ci sono stati rischi di esondazione.