Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 781
RAGUSA - 23/02/2012
Attualità - In vista della manifestazione regionale che si terrà il 6 marzo a Palermo

I Forconi hanno chiesto aiuto a 3 vescovi

Il movimento ha incontrato Mons. Paolo Urso, sarà stilato un documento insieme al vescovo di Noto e di Siracusa

I Forconi chiedono aiuto ai vescovi di Noto Ragusa e Siracusa. Una delegazione, guidata dal coordinatore provinciale, Aldo Bertolone, è stata ricevuta da Mons. Paolo Urso in vista della manifestazione del 6 marzo a Palermo. I "Forconi" hanno ribadito i motivi della mobilitazione e sottolineato «le difficoltà delle imprese e delle famiglie vessate dalla crisi – ha spiegato il coordinatore provinciale Aldo Bertolone – ed in particolare dall´assenza di risposte e dal silenzio della classe politica".

In particolare, il movimento ha chiesto a monsignor Urso -di sostenere una richiesta di moratoria alla Serit per alleviare l´esecutività immediata dei provvedimenti di riscossione tributaria in caso di insolvenza. Proprio su questo tema, e più in generale sulla necessità di interventi anti-crisi, il vescovo ha annunciato la sottoscrizione di un documento congiunto con i vescovi di Noto e Siracusa: "La volontà d´impegno e di crescita non può essere distrutta – ha spiegato Urso – e siamo vicini alle famiglie ed alle imprese oggi in grave difficoltà".

Al termine, i "Forconi" hanno lanciato un appello, rivolto specie agli studenti, a partecipare con iniziative analoghe in ogni città alla manifestazione del 6 marzo a Palermo.


Poesia "Vento culturale dei Forconi, nei nuovi Vespri Siciliani.
23/02/2012 | 22.47.08
Salvatore Azzaro

""Vento culturale dei Forconi, nei nuovi Vespri Siciliani.

In mezzo al Mare Nostrum,
nella Terra più a sud,
il cuore riprende a pulsare,
brivido alla schiena
per tutto lo stivale.

Si è svegliato dal torpore
e si batte con fermezza
il Popolo siciliano,
tendendo con Amore
ai più deboli... la mano.

Poesia di: Salvatore Azzaro da Giarratana, poeta e cantautore impegnato
contro le mafie.""