Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 298
RAGUSA - 16/02/2012
Attualità - La bozza di proposta elaborata dall’ufficio Centri Storici

Più soldi ai privati e maggiore attenzione ai palazzi storici

La bozza è stata adottata dalla Commissione Risanamento e sarà ora sottoposta alla giunta e poi al consiglio comunale
Foto CorrierediRagusa.it

Più soldi ai privati e maggiore attenzione ai palazzi storici. La bozza di proposta elaborata dall’ufficio Centri Storici è stata adottata dalla Commissione Risanamento e sarà ora sottoposta alla giunta e poi al consiglio comunale. Per il 2011 sono stati previsti quindici ritocchi al piano di spesa per Ibla con qualche integrazione ed alcune nuove opere.

C’è stata anche qualche cancellazione come il finanziamento integrativo di 190 mila per la strada S. Leonardo, la cui somma è stata invece spostata sull’esproprio del cinema Marino. Vanno meglio le cose per i privati perché dai 313 mila euro previsti si passa a 580 mila euro. Somma comunque insufficiente perché ci sono ben 250 domande di richieste di finanziamento e mettendole tutte in conto ci vorrebbero ben sette milioni di euro. Il finanziamento per Ibla, limitatamente alla annata 2011, è invece di quattro milioni 700mila euro e con questa somma bisognerà provvedere ad opere pubbliche, infrastrutture, edilizia privata e viabilità. La commissione ha raccomandato l’istituzione di un fondo di 50 mila euro per alcuni palazzi storici inseriti nella lista Unesco come il palazzo Bertini e palazzo Battaglia.

Anche la chiesa di S. Giorgio avrà un aumento di fondi per il restauro della scalinata e dei portoni. E’ prevista una spesa di 80 mila euro. Particolare attenzione la commissione ha attribuito al recupero delle botteghe di via del Mercato (nella foto). Con 150 mila euro si prevede di realizzare i servizi igienici, un punto di ristoro e la funzionalizzazione delle botteghe per aprire finalmente al pubblico i locali che finora sono rimasti inutilizzati o quasi.