Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 886
RAGUSA - 08/02/2012
Attualità - Il cantiere aperto dalle 8 alle 20, rimosso il tappeto bituminoso

Lavori in via Roma, i residenti chiedono parcheggi

Programmato un incontro con commercianti ed abitanti per lunedì prossimo
Foto CorrierediRagusa.it

Si lavora senza intoppi in via Roma (nella foto) le proteste dei residenti salgono. L’impresa appaltatrice dei lavori ha quasi ultimato la rimozione del tappeto bituminoso nel tratto di strada tra corso Italia e via Vittorio Veneto ed è al momento impegnata a realizzare il grande scavo centrale per la sistemazione degli impianti tecnologici e tecnici come rete idrica, fognaria ed elettrica, oltre che di raccolta delle acque pluviali. Cantiere dunque in pieno fermento nonostante il freddo e qualche burrasca. L’impresa è riuscita a liberare anche qualche varco pedonale.

Gli operai lavorano dalle 8 del mattino sino alle 20, ossia secondo i doppi turni programmati e si spera ovviamente nella clemenza del tempo perché si possa rispettare e, anzi, accelerare il cronoprogramma.

«Monitoriamo giornalmente l´andazzo dei lavori – conferma il sindaco Nello Dipasquale – sia come amministrazione, sia dal punto di vista tecnico, con i nostri dirigenti e funzionari. Mi pare che si proceda bene, senza particolari intralci. Un primo concreto punto della situazione lo faremo il prossimo lunedì, quando insieme all´impresa, ai rappresentanti degli operatori economici e dei residenti, verificheremo lo stato dell´arte e la possibilità di eventuali ulteriori interventi correttivi. Sappiamo bene che dobbiamo pagare dazio, che ci sono inevitabili disagi e disservizi, che purtroppo dovranno reiterarsi ancora sino all´estate, ma siamo convinti che questi sacrifici saranno ampiamente ripagati».

Il comitato dei residenti, di cui è portavoce Peppe Balzano è tornato comunque a far sentire la propria voce soprattutto per quanto riguarda le difficoltà dei parcheggi. Dice Peppe Balzano: «Le aree di sosta riservate ai residenti muniti di pass, nel tratto compreso tra via San Vito e via Ecce Homo non hanno sortito gli effetti sperati. Siamo di fronte ad una vera e propria emergenza che non è stata affrontata in maniera razionale».

, ad aggravare la situazione ha "contribuito" il crollo del vecchio immobile di via Carlo Alberto Della Chiesa, ancora chiusa al traffico, che doveva diventare una delle principali valvole di sfogo per le auto. Ma sin quando la Procura non avrà ultimato le indagini peritali e dato il via libera alla rimozione delle macerie (senza contare la possibile demolizione che potrà disporre il Comune di altri edifici fatiscenti), l´arteria resterà off-limits.

Anche i commercianti sono sul piede di guerra ed insieme ai residenti hanno chiesto all’amministrazione di individuare altre aree, in zona blu e con pass, lungo tutto il quadrilatero attorno alla cattedrale di San Giovanni. Solo reperendo e riservando questa ampia area, per il comitato dei residenti si potrà garantire il diritto alla sosta di chi abita nel cuore del centro storico. Poi c´è anche il problema della congestione del traffico: «Vi sono troppi cantieri aperti – spiega Balzano a nome dei cittadini -Vogliamo essere coinvolti nelle prossime scelte di vivibilità e fruizione del quartiere».