Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 510
RAGUSA - 20/01/2012
Attualità - La "bolla" immobiliare si è arrestata

Cala di netto la richiesta di mutui: -17%

Il sistema di informazioni creditizie fornisce altri dati interessanti

La "bolla" immobiliare si è arrestata. Non solo l´empirico crollo dei prezzi, specie per l´usato, ma la prova scientifica viene da Crif, il sistema di informazioni creditizie, cui attingono quasi tutte le banche per la concessione di mutui e prestiti.

Lo scorso anno, infatti, secondo la banca dati di Crif in provincia si è registrato un decremento del 17 per cento di richieste, prossimo alla media che si è avuta in Sicilia, pari al 20 per cento, e nell´intero Paese (19 per cento). Nei due anni precedenti, invece, si era avuta una crescita di richieste di mutui dell´uno per cento nel 2010 e addirittura del sette per cento nell´anno d´oro del 2009, rispetto al 2008.

Il sistema di informazioni creditizie fornisce altri dati interessanti. In particolare, l´analisi della distribuzione dei mutui per fasce di durata, rileva che aumentano le istanze comprese tra i 20 ed i 30 anni, anche se continua ad eccellere quella tra i 25 ed i 30 anni. Il dato sta ad indicare che, al fine, di poter stipulare mutui con rate "abbordabili", le famiglie si indebitano per un periodo molto lungo, quale è appunto quello che arriva sino a 30 anni. Cautela, dunque, da parte delle famiglie, ma anche il settore bancario sembra mordere il freno. La carenza di liquidità induce, infatti, le banche ad essere più caute e selettive, mentre, negli ultimi mesi, con la crisi al suo clou, anche gli spread (con ovvio riflesso sui tassi) sono paurosamente schizzati in alto.

Giorgio Antonelli - Gazzetta del Sud