Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1318
RAGUSA - 11/01/2012
Attualità - Il presidente della Provincia ed i sindaci hanno chiesto di adottare la dicitura "in caso di neve"

Obbligo catene a bordo: l´Anas prende tempo e "valuterà" la revisione dell´ordinanza

L’incontro promosso dal prefetto è servito anche a parlare dello stato della viabilità in provincia
Foto CorrierediRagusa.it

L’Anas è disponibile a valutare l’opportunità di rivedere l’ordinanza dello scorso 26 Ottobre con la quale si dispone l’obbligo delle catene a bordo su alcuni tratti della rete viaria provinciale.

Se prima i dirigenti dell’Anas avevano fatto orecchio da mercante alle proteste ed alle istanze venute dai rappresentanti istituzionali della provincia al tavolo convocato dal prefetto Giovanna Cagliostro i responsabili del compartimento Anas di Catania presenti all’incontro «hanno manifestato la piena disponibilità all’immediata valutazione della proposta di integrazione all’ordinanza con l’impegno di fornire sollecito riscontro nell’interesse dell’intera collettività provinciale», come riporta testualmente il comunicato ufficiale della Prefettura.

L’Anas dunque valuterà la richiesta venuta dal Presidente della provincia, dai sindaci, dai rappresentanti delle Forze dell’ordine e dei Vigili del fuoco in provincia che hanno chiesto la revisione della ordinanza nel senso di introdurre l’obbligo delle catene «solo in caso di neve». Gli automobilisti devono dunque attendere le decisioni che i vertici dell’Anas assumeranno con «sollecitudine» rispetto a quanto emerso al tavolo convocato in Prefettura.

Valutato quanto emerso dall’esito dell’incontro sembrano in questo momento perlomeno anticipatorie le dichiarazioni ottimistiche dei rappresentanti istituzionali che hanno dato per scontato un fatto che al momento è invece solo un auspicio pur se confortato dall’atteggiamento di disponibilità dell’Anas che fino a qualche giorno prima è stato di chiusura.

(nella foto: il Palazzo del Governo)