Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 0:33 - Lettori online 478
RAGUSA - 10/01/2012
Attualità - Presenti i vertici regionali dell’Anas

Obbligo catene: riunione in Prefettura con sit-in

L’incontro è stato promosso dal prefetto Giovanna Cagliostro alle luce delle richieste venute dal territorio

I vertici dell’Anas incontrano nel pomeriggio di mercoledì il prefetto di Ragusa, il presidente della Provincia, i sindaci, i rappresentanti delle forze dell’ordine della provincia.

Oggetto dell’incontro è l’obbligo delle catene a bordo dal 15 dicembre al 15 marzo voluto dall’Anas su alcune strade della provincia; in particolare la Statale 115 da Modica a Ragusa, la 194 da Ragusa a Giarratana e Monterosso, la 514 da Ragusa allo svincolo per Vizzini.

L’Anas ha preso in modo unilaterale la sua iniziativa piazzando lungo le strade interessate cartelli con cui si impone l’obbligo delle catene. Organizzazioni sindacali, sindaci (Modica e Giarratana), il presidente della Provincia, i parlamentari Nino e Riccardo Minardo hanno manifestato tutto il loro dissenso per la decisione unilaterale dell’ente gestore della rete stradale che non ha tenuto conto della specificità del territorio dove le nevicate sono rare. A presidiare l´ingresso del Palazzo del Governo i rappresentanti di Fli, Forza del Sud, Cittadini Liberi, Confsal che daranno vita un sit - in di protesta.

L’Anas tiene duro sul provvedimento adottato perché vuole tutelarsi da eventuali contenziosi derivanti da incidenti scaturiti dalla presenza di neve e ghiaccio sulle strade ma la riunione di oggi pomeriggio voluta dal prefetto Giovanna Cagliostro potrebbe aprire uno spiraglio di una vicenda che ha suscitato le ire degli automobilisti.