Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1315
RAGUSA - 07/01/2012
Attualità - Stangata inumazioni, esumazioni e tumulazioni

A Ragusa costa troppo caro anche passare a miglior vita!

Comprare un suolo nei cimiteri comunali costerà di più

Inumazioni, esumazioni e tumulazioni costano di più. La stangata non risparmia neppure i servizi cimiteriali i cui costi per le famiglie con l’avvio del nuovo anno triplicano ed in qualche caso quadruplicano. E’ il caso delle esumazioni il cui costo passa da 23 a 100 euro, ma non pesa di meno l’inumazione che va da 20 a 50 euro e la tumulazione che da 31 va a 100 euro.

Comprare un suolo nei cimiteri comunali costerà di più perché la tariffa stabilita con la delibera 530 approvata dalla giunta comunale nell’ultimo giorno del’anno prevede un costo di 400 euro al metro quadrato. Dopo l’aumento delle tariffe per l’espurgo dei pozzi neri l’amministrazione comunale ha rivisto al rialzo tutte le altre tariffe per far fronte ai tagli delle risorse statali e regionali che faranno arrivare tre milioni e mezzo di euro in meno nelle casse di palazzo dell’Aquila.

Per completare il quadro dell’aggiornamento delle tariffe ci sono anche quelle relative ai servizi idrici che anche in questo caso fanno registrare aumenti consistenti. L’autorizzazione agli scavi passa da 6 a 20 euro, i nuovi allacci alla rete idrica comunale da 74 a 100 euro, l’autorizzazione allo scarico da 25 a 50 euro ed il controllo dei contatori costerà 15 euro mentre prima era un servizio gratuito. Per l’amministrazione si tratta di aumenti giustificati dai tagli dei trasferimenti ma anche di un adeguamento necessario visto che le tariffe erano ferme a dieci anni fa. Per le famiglie l’anno non comincia nel segno migliore ed il malumore è palpabile anche se sono ancora in molti a non conoscere il dettaglio degli aumenti con i quali bisognerà comunque fare i conti.