Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:03 - Lettori online 972
RAGUSA - 05/01/2012
Attualità - Boom di arruolamenti nelle fiamme gialle nel 2011

Lo schermidore Giorgio Avola diventa finanziere

Sono in tutto 16 i ragusani (uomini e donne) che hanno scelto la divisa. Frequenteranno corsi di specializzazione nelle varie scuole di formazione. La soddisfazione del colonnello Fallica
Foto CorrierediRagusa.it

Il gruppo sportivo «fiamme gialle» si arricchisce di una eccellenza tutta ragusana, si tratta del campione d’Europa Giorgio Avola (foto), noto schermidore modicano. E’ entrato nel gruppo sportivo della Finanza. Dopo aver superato brillantemente la difficile selezione è stato ammesso alla scuola atleti fiamme gialle presso Castelporziano.

Il 2011 appena trascorso è stato particolarmente ricco per il territorio ragusano. Infatti, proprio nel corso del 2011 sono stati ammessi ai corsi ordinari del corpo della Guardia di finanza ben 16 giovani che, animati da un non comune attaccamento alla divisa, hanno scelto, appena terminati gli studi, di arruolarsi nel corpo e spendersi per il bene comune.

Si tratta del tenente Carmen Quartarone, originaria di Ispica, che superando il relativo concorso èstata ammessa a frequentare il corso allievi ufficiali presso l’accademia della Guardia di finanza di Castelporziano.

Arruolamenti, anche, per quanto riguarda il ruolo ispettori. Circa due mesi fa sono stati, infatti, incorporati presso la scuola ispettori dell’Aquila, il ragusano Stefano Migliorisi, le ispicesi Anna Rustico e Carmela Rustico e, infine, la giovane Alessia Panebianco originaria di Santa Croce Camerina.

Dieci giovani, inoltre, andranno a riempire le fila del ruolo finanzieri, iniziando i rispettivi corsi di formazione presso le scuole di Bari, Predazzo (Tn) e Gaeta.

Per tutti è previsto un periodo di sacrifici ed impegno, al termine del quale saranno certamente ricompensati da notevoli soddisfazioni sia in campo personale che professionale.

"Anche una piccola provincia come Ragusa- afferma il colonnello Francesco Fallica- si distingue, quindi, nel fornire un determinante apporto di risorse umane alle «fiamme gialle», basta solo studiare ed impegnarsi".