Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 625
RAGUSA - 04/01/2012
Attualità - Anche il sindaco di Giarratana Lia si schiera contro il provvedimento

Un coro di "No" contro l´obbligo Anas di catene a bordo

Dodici consiglieri provinciali di maggioranza ed opposizione chiedono di discutere dell’argomento nella prossima seduta

E’ un coro di no all’obbligo delle catene a bordo. Dodici consiglieri provinciali di maggioranza ed opposizione chiedono di discutere dell’argomento nella prossima seduta, il sindaco di Giarratana, Pino Lia informa l’Anas che le catene non serviranno per le macchine ma per incatenarsi perché la statale 194 venga messa in sicurezza. Riccardo Minardo propone un patto all’Anas; voi fate prima la manutenzione e mettete le strade in sicurezza e noi compreremo subito le catene. Nel frattempo cassate il provvedimento. E’ insomma una sollevazione generale ma i pronostici parlano tutti in favore dell’Anas che non intende ritirare o anche minimamente modificare il provvedimento al di là di ogni presa di posizione o minaccia.

L’Anas non si è posto il problema della messa in sicurezza delle strade, delle creazione di piazzole, di dotare la provincia di almeno una macchina spalaneve o spargisale ed ha imposto le catene a bordo. Come sempre a perdere è la parte più debole, ovvero gli automobilisti che devono sottoporsi ad un obbligo che appare vessatorio non perché di per sé campato in aria ma perché sproporzionato al male che vuole curare o prevenire. Sarà forse il caso che gli utenti della strada si mettano subito in regola perché la partita delle catene appare a questo punto persa e da qui a qualche giorno ci potrebbero anche rimettere soldi per le multe e punti per la patente. Un altro regalo all’Anas di cui nessuno sente il benchè minimo bisogno.


Per Saro
05/01/2012 | 10.07.49
Giovanni Cappello

Caro Saro,
avevo due possibilità per intervenire: 1) dare dell´i*********e a chi ha preso il provvedimento o 2) seppellirlo con l´ironia.
Ho scelto la seconda perché coprire qualcuno di ridicolo è più efficace che dirgli in faccia quello che è veramente, poiché né è consapevole ed, evidentemente, contento.
Quello che mi rammarica è la solita inedia dei ragusani: aspettiamo sempre che sia qualcun altro a prendere "u luci che manu"; quelle sue, s´intende. Poi, quando le ustioni gli saranno guarite, correremo a issarlo tra gli "urrà" e non gli faremo mancare il nostro affetto e la nostra riconoscenza.
Ci vuole così tanto a inondare le sedi dell´ANAS di fax, e-mail, lettere?
L´ANAS ci sta prendendo per il naso e noi, docili come buoi, ci stiamo facendo i buchi da soli per farci mettere l´anello. Da loro...


BOLLETTINO NEVE
04/01/2012 | 20.29.09
Saro

Per Giovanni Cappello:

Caro Giovanni ma secondo te veramente l´ ANAS ti terrà informato del bollettino neve in zone per altro dove è improbabile che cio´ succeda!!!??? Ahahahahah che ridere
Stai attento a guida con prudenza!!!!!


bollettino neve per Agrigento
04/01/2012 | 11.18.41
Giovanni Cappello

Signori, calma! La sicurezza prima di tutto. Piuttosto chiedo: poiché martedì 10 dovrò recarmi ad Agrigento, qualcuno sa dirmi se c´è l´obbligo di catene anche in quel tratto della SS 115? Saprebbe dirmi l´ANAS se, ad esempio, è prevista neve a Gela? O a Licata? o al Villaggio Mosè?
Sapete, viaggerò con il mio bambino in auto e alla sua vita ci tengo!
Inoltre, poiché percorro spesso la SS 115 nel tratto Vittoria-Comiso, vorrei che l´ANAS, se non chiedo troppo, mi tenesse informato sulla situazione neve anche per questo tratto. Pertanto autorizzo la Redazione a fornire all´ANAS la mia e-mail.
Infine, vorrei chiedere, tramite codesta testata, al presidente del Consiglio Monti se per caso non intenda liquidare l´ANAS, hic et nunc, per... libera(lizza)re il campo, anzi le strade, da cotanti inutili persecutori di automobilisti. Con prudenza, s´intende.


Disapplicare l´ordinanza
04/01/2012 | 10.48.12
sergio arezzo

Mi ripeto ma non mi sembra campata in aria l´idea che il Prefetto possa, avvalendosi dei suoi poteri, non dare attuazione a questa assurda ordinanza,privandola degli strumenti sanzionatori (multe da parte delle forze dell´ordine).