Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1110
RAGUSA - 03/01/2012
Attualità - Quadruplica il costo degli espurghi senza fognatura dal 1 gennaio 2012

Stangata pozzi neri nelle contrade: da 16 a 62 euro a famiglia

I residenti delle contrade Trecasuzze, Nunziata, Conservatore, Monachella saranno costretti a sborsare circa mille euro l’anno per svuotare i pozzi neri
Foto CorrierediRagusa.it

Super stangata per le famiglie di Ragusa che abitano in contrade periferiche non servite da rete fognante. Svuotare i pozzi neri costa molto di più rispetto al 2011. Sedersi in bagno per il consueto bisogno fisiologico quotidiano e pensare quanto si dovrà pagare ogni chiamata dell’autobotte per l’espurgo può provocare stipsi!

Un espurgo di pozzo nero che fino al 31 dicembre 2011 costava 16 euro, più altri 7 in caso di secondo svuotamento mensile, per un totale di 23 euro; dal 1 gennaio 2012 costerà 62 euro il primo e altrettanto il secondo, per un totale di 124 euro. Se poi la famiglia è numerosa (i figli non vogliono lasciare casa neanche a 40 anni), il capo nucleo dovrà raccomandare meno visite al bagno. Perché quantunque al minimo (62 euro al mese per ogni espurgo) costerà ogni famiglia pagherà la bellezza di 744 euro al mese. Il doppio se l’espurgo è quindicinale. Una tassa piuttosto «calorica»!

Ad essere colpiti dall’aumento della tassa municipale, i residenti periferici, quelli che abitano nelle contrade Trecasuzze, Nunziata, Conservatore, Monachella, e fparte di Bruscè e Cimilla. Il problema è un altro, come ha fatto intuire un proprietario di contrada Trecasuzze che ci ha chiamato per sottolineare il caso: e cioè che molti di questi residenti, non potendo o non volendo pagare l’aumento troppo esoso, provvederanno da soli a svuotare il pozzo nero per riversare il contenuto nelle campagne degli altri che non sono molto custodite e vigilate. Idea tanto disgustosa quanto illegale, che arrecherebbe anche il danno dell’inquinamento ambientale.

Un problema cittadino, dunque, che pone un elemento di riflessione sia a chi ha deciso di alzare da 16 a 62 il costo dell’espurgo, sia a coloro che stanno già pensando di scaricare escrementi a cielo aperto! Che sarebbe l’ultima delle tante iatture che già subiamo.


E ORA
05/01/2012 | 20.28.45
Salvo

picciuotti miei, macari cacari nun pottimu