Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:04 - Lettori online 733
RAGUSA - 01/01/2012
Attualità - Il regio decreto di istituzione della provincia fu emanato il 2 gennaio del 1927

La seduta aperta del consiglio festeggia il compleanno

Una targa ricordo a 13 cittadini nati nello stesso giorno dell’istituzione della provincia Foto Corrierediragusa.it

Buon compleanno provincia. Una seduta aperta del consiglio provinciale ha dato il via alle celebrazioni dell’85mo anniversario dell’istituzione della provincia di Ragusa.

Il regio decreto n. 1 del 2 gennaio 1927 istituì la Provincia di Ragusa, fortemente voluta dall’allora sottosegretario alle Poste Filippo Pennavaria. Il decreto regio venne pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’11 gennaio 1927 ed entrò in vigore il giorno dopo. Proprio lungo queste tre date si è formalizzata l’istituzione della Provincia di Ragusa e non a caso il presidente Franco Antoci ha voluto ricordare queste tre date con tre iniziative diverse.

Il primo atto è stato la solenne seduta del consiglio provinciale e la premiazione dei cittadini ragusani nati proprio il 2 gennaio 1927. Si tratta di 13 cittadini che hanno ricevuto una targa a ricordo degli 85 anni della Provincia. Hanno ritirato il riconoscimento Rosario Pedriglieri e Biagio Sberna di Comiso, Raffaele Crucetta e Rosario Antoci di Modica, Carmela Scimonello di Scicli, Orazio Adamo, Salvatrice Canzonieri, Carmela Guastella, Salvatore Damiani, Salvatore Galfo, Angelo Occhipinti, Lucia Mangano e Lucia Spampinato di Ragusa. Proprio nei giorni scorsi è venuto a mancare Carmelo La Cognata di Ragusa.

I lavori consiliari sono stati aperti dal presidente del consiglio provinciale Giovanni Occhipinti che ha posto l’accento sul ruolo della Provincia di Ragusa.
«La proverbiale laboriosità iblea – ha detto Occhipinti - è stata oggetto di ammirazione e, diciamolo pure senza ipocrisie, anche di un po’ di invidia delle province limitrofe, e oggi nonostante spirino venti contrari di chiusura delle Province vogliamo testimoniare i suoi ottantacinque anni di storia, ma soprattutto con lo sguardo orientato al futuro. Non può tacersi che la Provincia di Ragusa promuove e coordina la vita di un territorio omogeneo in identità e tradizioni».

Anche il presidente della Provincia Franco Antoci si è soffermato sull’identità della Provincia di Ragusa e sul ruolo che questo Ente sovracomunale ha nell’architettura costituzionale decisa dai repubblicani costituenti. «Non ci potrà essere alcuna legge – ha detto Antoci – che potrà cancellare la nostra storia. I 12 comuni iblei sono un patrimonio di valori e conoscenze che cercheremo di salvaguardare qualora il proposito dei legislatori regionali dovesse essere quello di cancellare l’ente. Restiamo uniti perché questo dice la storia e il nostro sentire comune».

La giornata si era aperta con l’annullo filatelico delle Poste Italiane per l’85mo anniversario della Provincia che ha richiamato l’interesse non solo dei collezionisti filatelici ma anche di quanti che hanno voluto ricordare in una cartolina postale la giornata storica di oggi che sancisce la ricorrenza dell’istituzione della Provincia di Ragusa.


Nella foto palazzo di viale del Fante, sede della provincia regionale di Ragusa


provincia
03/01/2012 | 15.41.03
Giorgio

..aboliamo le province con tutti i privilegi che comportano... Andate a casa politici di un ente del nulla..


FESTA DI ADDIO
01/01/2012 | 17.51.43
Noprov

Speriamo che i festeggiamenti siano gli ultimi e che gli inutili (ma costosi) festeggianti se ne vadano finalmente a casa.