Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:41 - Lettori online 1424
RAGUSA - 01/01/2012
Attualità - Il settore comerciale registra un calo del 30 per cento spera di riprendersi con le promozioni

Inizio dei saldi tiepido, si cerca l´occasione ad ogni costo

La Confcommercio calcola che ogni famiglia spenderà 403 euro
Foto CorrierediRagusa.it

Archiviati cenone e balli di fine anno si pensa già ai saldi. E’ l’ultima occasione per i commercianti per recuperare e smaltire le scorte di magazzino accumulate. La crisi ha colpito ed i consumi, secondo la rilevazione di Confcommercio, si attestano su un calo medio del 30 per cento.

Il presidente provinciale di Confcommercio, Sergio Magro, ha posto l´accento non solo sulle aspettative dei consumatori, ma anche sulle attese degli operatori commerciali che sperano di riscattare, grazie al buon andamento delle svendite, una stagione non certo esaltante, con i margini di profitto ulteriormente erosi dalla debolezza dei consumi e dall´aumento di un punto percentuale dell´Iva.

E’ stato questo uno dei motivi per cui la stagione dei saldi è stata anticipata anche in Sicilia e già da lunedì si apre la corsa all’acquisto vantaggioso e super scontato. I saldi si protrarranno fino al 15 marzo e la spesa media attesa è di 403 euro a famiglia. Confcommercio tuttavia sorvola sul fatto che già da una settimana almeno i titolari dei negozi hanno praticano «promozioni» sulla merce esposta. Sono saldi sottaciuti, a favore della clientela più fidelizzata.

Lo sconto medio è stato del 20 per cento con punte del 30 per cento. Chi potrà e vorrà attendere dovrà astenersi dagli acquisti almeno fino a fine gennaio quando gli sconti arriveranno al 50 per cento.