Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 901
RAGUSA - 30/12/2011
Attualità - Conferimenti di importanti incarichi professionali all’Azienda sanitaria di Ragusa

Asp 7, nominati 4 nuovi direttori di strutture complesse

I 4 nuovi primari sono: Pino Morando (Neuropsichiatria infantile) Pippo Mustile (Sert), Sara Lanza (Fisioterapia) e Salvatore Musso (Nefrologia). Si attende il primariato di Psichiatria
Foto CorrierediRagusa.it

Quattro primari per 4 servizi sanitari importanti in provincia di Ragusa. L’Asp 7 ha conferito incarichi quinquennali ai dirigenti medici Pino Morando (foto) (primario di Neuropsichiatria infantile), Pippo Mustile (direttore del Sert), Sara Lanza (Fisioterapia) e Salvatore Musso (Nefrologia).

Un grande riconoscimento per questi nuovi direttori di struttura complessa, che hanno già fatto molto per la sanità iblea. Restano ancora da conferire altri incarichi direzionali, fra cui la Psichiatria.

E’ particolarmente contento il dott. Pino Morando, di Chiaramonte Gulfi al quale la commissione dal direttore generale Ettore Gilotta, dal direttore sanitario Pasquale Granata, dal direttore amministrativo Maria Sigona, ha conferito l’incarico per 5 anni di primario della Neuropsichiatria infantile, branca che richiede una professionalità molto elevata proprio per la particolarità dei soggetti non adulti.

Doti umane e professionalità che spiccano nella menzione del conferimento redatta dalla commissione, laddove si riconosce al dott. Morando, oltre al curriculum di «ottima rilevanza per valore scientifico-professionale, anche la capacità nell’ambito della costruzione di una rete integrata nel campo dei servizi socio-sanitari, con esperienze di tipo gestionale e una rilevante formazione di tipo manageriale e di tipo professionale, capacità organizzative e conoscenza degli strumenti manageriali per lo sviluppo dell’unità operativa».