Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 758
RAGUSA - 09/02/2008
Attualità - Ragusa - Riunione del coordinamento a Noto

Sr-Gela: proteste contro
la mancata apertura

Consigli comunali aperti il 18 febbraio alle 16,30 Foto Corrierediragusa.it

Il coordinamento degli amministratori delle Province di Siracusa, Ragusa e Caltanissetta, si e´ riunito a Noto per affrontare l´annosa questione dell´Autostrada Siracusa - Ragusa - Gela.

Nel corso dell´incontro e´ stata manifestata preoccupazione per la mancata apertura del tratto autostradale gia´ realizzato. Sono state poi evidenziate le ulteriori problematiche legate al mancato appalto dei tratti gia´ finanziati ed al finanziamento ancora non disponibile dei lotti fino a Gela.

Il Coordinamento ha, quindi, deciso, all´unanimita´, "di costituire un comitato ristretto composto dai Presidenti delle tre Province di Siracusa, Ragusa e Caltanissetta, per monitorare costantemente la situazione". E´ stato deciso di "chiedere al Governo regionale una maggiore attenzione circa le inefficienze del Consorzio, con l´eventuale rimozione dei responsabili burocratici, ed al Prefetto di Siracusa la convocazione del Consiglio di Amministrazione del Consorzio e dell´Anas unitamente al Coordinamento politico e istituzionale per avere estrema chiarezza sull´attuale situazione, sulle difficolta´ e sulle possibili soluzioni".

E´ stato deciso, infine, "di organizzare per lunedi´ 18 febbraio, alle 16.30, presso il casello autostradale di Noto una manifestazione con la partecipazione delle istituzioni, delle forze politiche nonche´ delle rappresentanze datoriali e sindacali delle tre province, per esprimere in maniera forte, unitaria ed autorevole non solo l´indignazione dell´intera comunita´ del Sud Est per questa ennesima incompiuta ma anche l´impegno da concretizzare con i prossimi Governi Nazionale e Regionale per la definitiva soluzione tecnica e finanziaria della intera problematica".