Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:17 - Lettori online 819
RAGUSA - 17/12/2011
Attualità - Presentato il progetto «Intersalute» condiviso dall’Ordine medici e Adiconsum

Alla Clinica Mediterraneo, con la carta della salute niente liste d’attesa a condizioni economiche vantaggiose

Il direttore della clinica Salvatore Pacini ha spiegato le varie modalità di fruizione. Tessera silver o gold e pacchetto familiare con prezzi ridotti del 50% rispetto alle tariffe normali
Foto CorrierediRagusa.it

Pagare meno del ticket sanitario ed evitare le liste d’attesa. E’ possibile. Alla Clinica del Mediterraneo, grazie al progetto «Intersalute» che prevede l’accesso ai servizi sanitari privati mediante tariffe ridotte e con condizioni economiche vantaggiose per i pazienti. Tramite delle tessere (silver o gold), nei fatti delle vere e proprie «carte della salute», ogni famiglia potrà ricevere prestazioni sanitarie gratuite, già inserite in un pacchetto programmato dal progetto, e accedere alle altre prestazioni con prezzi tagliati fino al 50% rispetto alle normali tariffe in uso.

Il progetto «Intersalute è stato presentato dal dott. Salvatore Pacini, consulente di Intersalute e direttore della Clinica del Mediterraneo, struttura privata che è partner assieme a Rigenera e al Centro Analisi del Mediterraneo. «Dimostriamo – ha detto il dott. Pacini che è possibile non solo fare impresa nel mondo della sanità ma anche mettere in risalto il giusto valore sociale, un nuovo modello di welfare sanitario territoriale che coniuga solidarietà e scopi sociali con la logica di mercato e la capacità competitiva. Stiamo cercando di costruire un modello alternativo di sanità, che non debba scontare i tempi delle liste d’attesa ma che sia in grado di dare prestazioni sanitarie in tempi accettabili, con tariffe ben comparabili con quelle del pubblico e naturalmente di qualità vista la rete di professionisti che hanno aderito».

Il progetto presentato è condiviso anche dall’Ordine dei Medici di Ragusa, rappresentato dal presidente dott. Salvatore Criscione, dalla Federazione dei Medici di Famiglia, rappresentata dal dott. Roberto Licitra, dalla Società di Medicina Generale, rappresentata dal dott. Roberto Zelante e dal dott. Giovanni Digiacomo. A fianco del progetto c’è anche l’Adiconsum, rappresentata dal presidente Gianni Cerruto. L’associazione dei consumatori non solo controllerà e vigilerà sulla validità del progetto ma attiverà anche uno sportello che fornirà informazioni al cittadino avendo individuato «gli aspetti operativi di grande qualità, comodità, economicità». Insomma un’opportunità per l’utente finale che potrà così decidere, dopo aver aderito al progetto tramite la carta della salute, se rivolgersi al pubblico o se invece rivolgersi al settore privato con prezzi assolutamente concorrenziali. Hanno finora aderito 38 specialisti dell’intera provincia di Ragusa. Comporranno la fitta rete del progetto «Intersalute» in grado di effettuare esami o interventi nelle diverse branche sanitarie, dall’angiologia all’ortopedia, dalla chirurgia plastica estetica alla chirurgia vascolare, dall’allergologia all’endocrinologia, ed ancora urologia, radiologia, oculistica, proctologia e naturalmente cardiologia e analisi cliniche.

Le tessere della salute hanno il vantaggio di poter essere utilizzate da ognuno dei membri del nucleo familiare che potranno fin da subito contare su alcune prestazioni gratuite. Il progetto nasce dall’esperienza maturata nel rapporto quotidiano con l’utenza non soddisfatta dei tempi di attesa per l’accesso ai servizi sanitari del territorio ibleo e in difficoltà dal punto di vista economico per sostenere i costi della sanità privata. «Da qui l’idea di Intersalute – spiega ancora il dott. Pacini - la cui attività è intimamente connessa alla Clinica del Mediterraneo perché con la casa di cura ha stipulato una convenzione attraverso la quale vengono messe a disposizione le componenti strutturali, tecnologiche, organizzative, le risorse umane e professionali che sono altamente qualificate e certificate Iso 9001. Abbiamo preso spunto da realtà simili già presenti nel Nord Italia e rispetto alle quali abbiamo mutuato le modalità con cui è stato possibile creare una rete di professionisti e applicare tariffe più vantaggiose per l’utenza garantendo identiche prestazioni sanitarie di qualità».

La carta della salute sarà familiare e avrà la durata di 12 mesi. E’ possibile aderire al progetto «Intersalute» tramite la tessera «silver», a soli 85 euro, che darà diritto a tutto il nucleo familiare di usufruire delle tariffe delle convenzioni del circuito con riduzioni dal 30% al 50% sulle tariffe in uso e con due visite specialistiche a scelta già comprese. La tessera «gold», che costerà 160 euro e che varrà sempre per tutto il nucleo familiare, darà diritto di usufruire delle tariffe e delle convenzioni con le stesse modalità della «silver» ma in più sono compresi esami diagnostici radiologia, tac e mammografia, una valutazione cardiologica e tre visite specialistiche a scelta. Un pacchetto di prestazioni sanitari che valgono circa 550 euro. Innovativo non solo il progetto ma anche le modalità d’accesso alle molteplici prestazioni. Sarà possibile farlo telefonicamente o presso la sede operativa e in alcuni casi nello studio medico dello specialista. I tempi di accesso vanno da 1 a 7 giorni per le visite specialistiche e da 1 a 15 giorni per gli esami diagnostici, come si può ben comprendere, tempi assolutamente accettabili e ben lontani da quelli delle liste d’attesa che l’utente è abituato a subire. Il costo della tessera è tra l’altro detraibile.

Nella foto il dott. Salvatore Pacini, in piedi, illustra il progetto "Intersalute"