Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1144
RAGUSA - 22/11/2011
Attualità - Si è riunito alla Camera di Commercio il tavolo tecnico per il lavoro e lo sviluppo in provincia

Il 17 dicembre manifestazione per la vertenza Ragusa

Il completamento delle infrastrutture è la priorità delle priorità

Si terrà il 17 dicembre la manifestazione di protesta per il rilancio della "vertenza Ragusa". Lo ha deciso il tavolo tecnico per il lavoro e lo sviluppo (cui hanno presenziato tutti i rappresentanti delle associazioni di categoria, di quelle datoriali, della curia e delle organizzazioni produttive) moderato dal presidente della Camera di Commercio, Sandro Gambuzza.

A parte l’Ance che non è stata d’accordo sulla data,unanime è stato il consenso sulla finalità e sull´obiettivo del sit-in. Due i punti nodali della piattaforma: realizzazione delle grandi infrastrutture attese da tempo e che imporranno ingenti investimenti portando di conseguenza opportunità di lavoro. Anche il rappresentante della Curia, Renato Meli, ha rilanciato l´appello che poche settimane addietro avevano enfatizzato i vescovi di Ragusa, Noto e Siracusa, a proposito del supporto alle imprese nostrane e delle necessità consequenziale di salvaguardare migliaia di posti di lavoro.


Il tavolo tecnico ha anche deciso di costituire un specifico comitato che si occuperà di stilare il documento su cui si fonderà la nuova vertenza territoriale. Un altro gruppo di lavoro, invece, definirà tutti gli aspetti organizzativi e logistici della manifestazione del 17 dicembre.

Interlocutori principali saranno i governi regionale e nazionale, da cui si attendono solleciti e concreti riscontri in merito alle rivendicazioni che sono state messe in campo. Ragusa - Catania, autostrada Siracusa- Ragusa- Gela, autoporto di Vittoria, porto di Pozzallo sono in cima alle richieste di investimento da parte dei governi nazionale e regionale.

Enzo Romeo, Cisl, ha posto dal canto suo l´accento sulla riduzione della produzione industriale, sull´aumento delle ore di utilizzo della Cig, sull´aumento della disoccupazione. Indici che segnano una crisi strutturale, più che congiunturale. « Le infrastrutture – ha detto Romeo –potranno contribuire alla ricchezza generale del territorio, perché per la loro realizzazione si metteranno in circolo milioni di euro e garantiranno per anni tanti posti di lavoro. Non solo la manifestazione del 17 dicembre, ma anche una serie di richieste da inoltrare agli organismi competenti per sottolineare le peculiarità degli Iblei».