Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:41 - Lettori online 923
RAGUSA - 15/11/2011
Attualità - Il raffronto Istat tra il 2009 ed il 2010 parla chiaro

Aumentano gli incidenti stradali ma c´è un morto in meno

L’alcolismo soprattutto tra i giovani alla base dei sinistri registrati nonostante l’incisiva opera di prevenzione e repressione

I dati Istat parlano chiaro; nella nostra provincia ci sono stati 967 incidenti stradali nel 2010, 105 in più rispetto al 2009; i morti sono stati venti, uno in meno dell’anno precedente.

Nel 2009 gli incidenti erano stati 862 a seguito dei quali 1414 avevano riportate lesioni di una certa entità. Il numero dei morti nel 2010, a fronte dell’aumento dei sinistri, è stato dunque contenuto ed è anzi diminuito di una unità; non c’è da stare allegri ma potrebbe essere una tendenza che infonde fiducia. Il problema di fondo, in provincia come nel resto d’Italia, è l’aumento vertiginoso dei sinistri dovuti all’alcool.

Nonostante i controlli a tappeto da parte della Polstrada e di tutte le forze dell’ordine tra i giovani soprattutto, spesso per ignoranza, di solito per cattiva abitudine, ci si mette alla guida dopo aver bevuto. Altri motivi degli incidenti mortali è il mancato uso delle cinture di sicurezza e l’alta velocità.

Un dato specifico della nostra provincia è inoltre la scarsa sicurezza delle strade. Molte di queste hanno troppe intersezioni, incroci poco visibili e scarsamente illuminati. Molto è stato fatto ma sulle strade bisogna investire per renderle più sicure.


16/11/2011 | 14.27.07
gino meli

Dott. Gennaro forse L´istat non riesce a farsi i conti bene, infatti se´ prova a contattare le agenzie di assicurazioni della provincia e chiedere il numero dei sx, e poi lo divide per due avra´ un risultato almeno per due o tre volte di quello dell´istat.
Comunque grazie per la notizia.