Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:00 - Lettori online 1456
RAGUSA - 04/11/2011
Attualità - Il direttore generale dell’Asp 7 Ettore Gilotta cerca di tranquillizzare

Tutti in difesa dei Pronto soccorso di Scicli e Comiso

Il direttore generale difende dunque le sue scelte che non poche polemiche e prese di posizione hanno provocato in questi giorni

Tutti in difesa dei Pronto soccorso di Scicli e Comiso ma il direttore generale dell’Asp 7 Ettore Gilotta cerca di tranquillizzare e soprattutto spiegare perché l’Azienda è arrivata a questa decisione. Dice Gilotta: "Non c’è stata da parte nostra nessuna voglia di penalizzare nessuno ma di tutelare al di sopra di tutto i pazienti.

Sono i malati il nostro punto di riferimento e negli ospedali di Scicli e Comiso non ci sono i requisiti minimi per assicurare le urgenze. Per far questo serve un reparto di radiologia , di cardiologia e di analisi di laboratorio operativi nell’arco delle 24 ore. Non vedo nessuno scandalo se i malati ricoverati di urgenza vengono trasportati in ospedale in condizioni di massima sicurezza in ambulanza ad appena 8 km da Comiso a Vittoria e a 10 km da Scicli a Modica dove tutti i servizi sono assicurati. Ricordo inoltre - conclude Gilotta - che solo il 20 per cento di quanti ricorrono al Pronto soccorso devono essere ricoverati di urgenza».

Il direttore generale difende dunque le sue scelte che non poche polemiche e prese di posizione hanno provocato in questi giorni. Orazio Ragusa chiede che il servizio del 118 venga trasferito e gestito a Ragusa e non da Catania perché diventi efficiente. Da parte sua Pippo Di Giacomo annuncia una sua iniziativa presso la sesta commissione all’Ars e dice

«La difesa dei Pronto Soccorso di Comiso e Scicli non è una difesa d’ufficio né una sciocca battaglia di campanile condotta sulla pelle dei cittadini». Per Roberto Ammatuna l’attuale direttiva emanata dal direttore generale dell’Asp 7 di deviare cioè i pazienti in emergenza/urgenza verso gli ospedali di Modica, Vittoria e Ragusa, è in contrasto con le linee guida dell’Assessorato regionale alla salute. «Queste- dice il parlamentare Pdl- prevedono, infatti, che i mezzi di soccorso senza personale sanitario a bordo, siano indirizzati dalla centrale operativa 118 sempre presso l’ospedale più vicino».


Decisioni folli..
04/11/2011 | 11.17.46
Alessandro

Ma come si può pensare di declassare sulla carta due nosocomi di riferimento per non pochi 30000 abitanti circa, non considerando di mettere sul territorio le ambulanze medicalizzate (medico 118 ,infermiere e 2 soccorritori), e di potenziare le strutture ricettive di Modica Ragusa e Vittoria?Già , purtroppo ,l´incredibile è avvenuto e a farne le spese un povero Anziano di cui nessuno si ricorderà, perchè nessuno farà denuncia per averlo lasciato "sbattere" a terra come un cane per almeno mezz´ora...e tra l´altro trasportato da ambulanza di base (solo 2 soccorritori) mentre l´ambulanza di Chiaramonte con il medico era tranquillamente in postazione ad aspettare chiamate!.Centrale operativa ...SVEGLIA.Non vi fate coinvolgere dalle scelte scellerate e quasi campanilistiche di chi ,per risparmiare, non pensa alla salute dei cittadini.Egr. Sig. Gilotta, far quadrare i conti non serve a salvare vite umane...chiuda i PTE inutili e dispendiosi ed apra più postazioni "MEDICALIZZATE" di 118 e poi può parlare di chiusura di nosocomi...a far le spese dei suoi "conti" non può essere la salute dei cittadini!!!