Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:40 - Lettori online 873
RAGUSA - 03/11/2011
Attualità - L’editore si è sottratto al confronto nell’incontro convocato in Prefettura

Video Mediterraneo, Assostampa: "No a cassa integrazione"

Per il sindacato dei giornalisti la decisione dell’editore Carmelo Carpentieri è stata "unilaterale"

L’Associazione Siciliana della Stampa impugnerà davanti al giudice le procedure di Cassa integrazione in deroga richieste dall’editore di Video Mediterraneo. Da due giorni infatti 18 tra giornalistici e tecnici sono stati posti in cassa integrazione dall’editore Carmelo Carpentieri ma la sua decisione non è stata condivisa dall’Assostampa perché «unilaterale».

Gianni Molè, segretario provinciale dell’Assostampa, ha chiesto l’intervento del prefetto di Ragusa, Giovanna Cagliostro, ma nonostante la pronta ed autorevole presenza del rappresentante di governo per affrontare la questione l’editore, Carmelo Carpentieri, si è sottratto al confronto.

Dice Gianni Molè: «Il sindacato dei giornalisti deve prendere atto con rammarico della decisione dell’amministratore unico di sottrarsi al confronto con le parti sociali previsto dalle leggi e dal contratto di lavoro giornalistico, decidendo unilateralmente, e senza un preciso piano di riorganizzazione del lavoro, di attivare le procedure per la cassa integrazione straordinaria.

L´Assostampa, privilegiando il criterio della solidarietà tra colleghi, aveva invece proposto, tramite il paziente lavoro di mediazione del prefetto, l´attivazione della cassa integrazione a rotazione per tutti i giornalisti della testata e non solo per una parte di essi, individuata dall´azienda senza alcun criterio legale e professionale».