Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 614
RAGUSA - 18/10/2011
Attualità - Il rapporto "Ecosistema urbano" 2011 colloca il capoluogo al 74mo posto

A Ragusa handicap differenziata, solare ok

Soddisfatto, nonostante tutto, il sindaco Nello Dipasquale, critica Legambiente

Luci ed ombre nell’annuale rapporto «Ecosistema urbano» realizzato da Legambiente ed Ambiente Italia in collaborazione con il Sole 24 ore. Rispetto allo scorso anno sono cambiati i criteri di comparazione tra le diverse realtà urbane visto che i raggruppamenti tra le città sono stati fatti in base al numero degli abitanti. Ragusa si colloca pertanto tra le città di medie dimensioni al 30mo posto sui 45 comuni presi in esame.

Non proprio una posizione eccellente ma i 43,24 punti attribuiti al capoluogo ibleo fanno sì di essere davanti ad Enna, Agrigento, Trapani e Caltanissetta. Ragusa brilla in particolare per l’utilizzo del solare fotovoltaico e termico negli edifici comunali e nella ridotta emissione di sostanze nocive; non fa registrare passi in avanti nella gestione delle risorse idriche e delle aree a verde, ma va male nella raccolta differenziata dei rifiuti, nel trasporto pubblico e nella partecipazione ambientale dei cittadini.

Questa la fotografia che emerge dalla ricerca e che pone Ragusa in graduatoria generale al 74mo posto. Per il sindaco Nello Dipasquale ci sono motivi di soddisfazione ma è chiaro che bisogna ancora fare molta strada per rendere il capoluogo ibleo una città con parametri complessivamente accettabili. Dice il sindaco: «Tanto lavoro è stato fatto per migliorare la qualità della vita ma sono convinto che molto è ancora da fare. I nostri prossimi obiettivi tenderanno a migliorare sempre più i parametri delle prossime edizioni per fare emergere la volontà di avere imboccato la strada dell´eco sostenibilità».

Molto critica invece la sezione iblea di Legambiente: «Un risultato che non può essere certo considerato positivo, anche perché Ragusa avrebbe le potenzialità per stare molto più in alto nella classifica – ha spiegato il presidente provinciale, Antonino Duchi – mentre si conferma ancora una volta molto deludente, come da noi più volte denunciato, negli indicatori dedicati alla raccolta differenziata e al trasporto pubblico, con la preoccupante incidenza dei mezzi di trasporto privati. A parte alcuni dati positivi, dunque, la posizione raggiunta è di gran lunga inferiore alle potenzialità espresse dal territorio, che potrebbero essere espresse meglio con una gestione più sensibile ed adeguata degli aspetti citati, portando la città Ragusa nella prima metà della classifica».