Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1178
RAGUSA - 17/10/2011
Attualità - Opere Pie riunite «Criscione Lupis», le ditte Boscarino e Moltisanti sono i ricorrenti

Risarcimento di 6 milioni per il porto turistico di Ragusa

Vertenza aperta, si dovrà pronunciare la Corte di Appello di Catania entro il prossimo mese
Foto CorrierediRagusa.it

Sei milioni di risarcimento per l’occupazione abusiva dei terreni retrostanti il porto turistico di Marina di Ragusa (nella foto). E’ quanto rischia di pagare l’amministrazione Dipasquale alle Opere Pie riunite «Criscione Lupis» ed alle ditte Carmelo Boscarino e Carmelo Moltisanti per l’occupazione di una vasta area in contrada Gaddimeli dove fu realizzato il cantiere per la costruzione del porto turistico negli anni 2006 – 2007. L’area è stata destinata dal piano regolatore della città ad attrezzature turistiche e ad edilizia residenziale ma fu occupata dal cantiere per la costruzione del porto.

I proprietari dei terreni hanno citato in giudizio il comune, la Tecnis spa, società che ha realizzato il porto turistico e la «Porto turistico Marina di Ragusa Spa, società di gestione del porto, eccependo che l’occupazione abusiva dei terreni in questione ha causato un danno irreversibile a tutta l’area. Da qui la maxi richiesta di sei milioni di risarcimento per quella che è ritenuta dagli interessati una occupazione illegittima.

La controversia tra le Opere Pie e le altre due ditte va avanti da anni ed il primo «round» è andato tuttavia favore dell’ente perché il Tribunale di Ragusa con una sentenza emessa lo scorso anno ha respinto la richiesta dei danni anche se ha riconosciuto la ‘occupazione abusiva» dei terreni pur se non ci sarebbe stato danno e quindi diritto al risarcimento. Il Comune in quella sede ha prodotto la documentazione con la quale il rappresentante legale del tempo elle Opere Pie concesse l’autorizzazione per l’occupazione in previsione di una futura lottizzazione dell’area. I proprietari dei terreni in questione tuttavia non si sono fermati alla sentenza del Tribunale di Ragusa ed hanno presentato ricorso alla Corte di Appello di Catania riproponendo la richiesta dei sei milioni di risarcimento cui il comune è pronto a presentare opposizione.

Le parti tuttavia hanno avviato una trattativa per una composizione bonaria della trattativa che dovrebbe portare alla definizione della lottizzazione. Su tutto pende tuttavia la sentenza della Corte di Appello che è attesa per il prossimo mese.


Ma che razza di notizi è?
28/10/2011 | 18.54.27
Fabio

Mi sono imbattuto per caso in questa notizia in quanto cercavo qualcosa su intenet circa il porto turistico. In tutta sincerità credo che quando si scrivono certe notizie è bene accertarsi di cosa si sta parlando. Il giornalista ha captato forse la notizia in qualche bar o per le vie dlla città senza andarsi ad informare su nulla. Ci sono delle inesattezze che non stanno nè in cielo nè in terra, quasi da farci su una barzelletta. Voi fate informazione e avete il dovere morale, nonchè professionale di verificare ciò che pubblicate. Spero vi informiate al fine di rettificare questa che è una notizia per lo meno inesatta e piena di strafalcioni.


Foto
18/10/2011 | 15.17.37
Gianluca

Commento la foto in questione perchè trattasi non del porto di Marina di Ragusa(come riportato)bensì del porto(non turistico)di Pozzallo.


172.000 euro??
17/10/2011 | 22.01.49
INS

Questi controlli sono importanti al fine di limitare l´evasione fiscale. E´ anche vero che tutti i multati, tramite commercialista e/o avvocato, fanno ricorso. La parte che incasserà lo Stato, se gli spetta, sarà sicuramente inferiore.
Sarebbe anche opportuno che i Finanzieri facessero multe e sequestri a tutte le abitazioni abusive (e quindi senza agibilità rilasciata dal comune) sul litorale che va da Marina di Acate a Santa Maria del Focallo. Sai quanto abusivismo c´è? A iosa. Tutte case/ville che non hanno versato un centesimo di oneri di urbanizzazione, non pagano tasse, ecc.
O forse tutti stanno aspettando la legge regionale di condono edilizio come preannunciato da Lombardo?