Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:19 - Lettori online 1576
RAGUSA - 15/10/2011
Attualità - Gli acrobati del Paniko ed i musicisti de La Pegatina si sono comunque esibiti

La pioggia rovina lo spettacolo di Ibla Buskers

Anche la serata di sabato condizionata dal maltempo Foto Corrierediragusa.it

La pioggia non scoraggia gli artisti di strada, ma decima gli spettatori. Una pioggia fitta, scrosciante intervallata da momenti di sereno ha funestato la seconda e la terza serata del festival degli artisti di strada, Ibla Buskers, che quest´anno vive la sua 17ma edizione.

Semivuoti i bus navetta che conducono turisti, gente del luogo, fans della manifestazione da Piazza Libertà a Ragusa superiore fino alla Chiesa del Signore Trovato, in via Ottaviano, a poche centinaia di metri dai giardini iblei. Unica novità quest´anno è la richiesta di un contributo simbolico di 50 centesimi a tratta per il servizio delle navette, non più gratuito. Il biglietto da vidimare: un segnalibro della manifestazione, diversificato per ogni serata.

Le vie di Ibla, solitamente stracolme, scarseggiano di gente. Un gruppo più folto di persone popola Piazza Pola e assiste all´esilarante spettacolo della Banda Panica, un numeroso gruppo di giovani energici e senza controllo che accompagnano con i coinvolgenti ritmi balcanici dei loro strumenti le interessanti performance degli acrobati del cabaret Paniko. Le loro azzardate invenzioni musicali animano il pubblico, lo scaldano, lo coinvolgono a ballare. Un nuovo rovescio di pioggia a cielo aperto non scoraggia gli artisti, che continuano imperterriti il loro spettacolo, ma costringe la maggior parte del pubblico a cercare riparo sotto gli ombrelloni aperti dei bar, o dentro le sale dei pub.

Giovani artigiani che hanno predisposto l´esposizione delle loro creazioni lungo il percorso del festival, raccolgono frettolosamente i loro prodotti.
Le condizioni meteo costringono gli organizzatori a interrompere la programmazione di molti degli spettacoli previsti per la serata, solo qualche gruppo sonoro si esibisce ancora. Come i musicisti spagnoli de La Pegatina, che cercano di dare calore alla serata umida con la loro rumba sfrenata, circondati da uno sparuto gruppo di spettatori stretti sotto una cupola di ombrelli aperti.
Stasera gran finale, sperando nella clemenza del tempo, con programmi molto ricchi con artisti ansiosi di esibirsi dopo due sere di "magra" loro malgrado.