Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 489
RAGUSA - 14/10/2011
Attualità - I dati forniti dall’Istituto turistico regionale non sono del tutto definitivi

Presenze turistiche a Ragusa in rialzo, calo ad Agosto

Il capoluogo ha "tirato" con 1.500 presenze in più a giugno

Il Servizio turistico regionale conferma; a Ragusa e nei comuni della provincia l’aumento medio delle presenze turistiche nei mesi estivi è stato del 20 per cento pur se i dati non sono ancora del tutto definitivi. Giugno e luglio comunque hanno tirato mentre agosto ha fatto registrare una flessione negli arrivi.A giugno infatti nel capoluogo c´è stato un aumento del 23 per cento degli arrivi di turisti italiani con un più 11 per cento, con un aumento di di 1.500 unità. Nel corso dello stesso mese c´è stato un aumento del 24 per cento delle presenze.

A luglio sempre a Ragusa città gli arrivi di turisti italiani vanno oltre il 24 per cento con un incremento del 7 per cento, con oltre 18 mila unità complessive. Mentre le presenze aumentano del 29 per cento.
A giugno in provincia gli arrivi diminuiscono del 21 per cento gli arrivi con una flessione anche nelle presenze con un meno 33 per cento, che per le sole presenze italiane va oltre il 40 per cento.
A luglio in provincia aumento del 13 per cento complessivo degli arrivi e del 20 per cento delle presenze. E’ dunque un bilancio con luci ed ombre con dati sui quali bisogna riflettere. Se negli anni precedenti luglio era il mese estivo di «magra» quest’anno la tendenza si è sposta ad agosto quando un po’ dappertutto si è registrato un calo di presenze e di arrivi.

A luglio infatti gli arrivi di turisti stranieri calano invece dell´11 per cento (causato dalla flessione registrata nelle strutture alberghiere), compensati dagli arrivi "italiani" che oltrepassano il 24 per cento e portano ad un incremento del 7 per cento, con oltre 18 mila arrivi registrati complessivamente. Ancor più rilevante il dato relativo alle presenze che aumentano del 29 per cento, senza rilevazioni negative né per le strutture alberghiere, né per tanto meno per quelle extralberghiere.

Nelle strutture ricettive della provincia si registra a giugno un calo negli arrivi del 21 per cento, legato alla flessione in particolare delle strutture alberghiere ed una riduzione più contenuta in quelle extralberghiere, soprattutto rispetto ai turisti italiani. Ovviamente la flessione si registra anche nelle presenze che calano dalle oltre 51 mila del 2010 alle quasi 34 mila del 2011, con una riduzione del 33 per cento, che per le sole presenze italiane supera il 40 per cento.