Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 2 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:28 - Lettori online 1392
RAGUSA - 01/10/2011
Attualità - Il personale non è stato chiamato in servizio nei termini concordati

Marcia indietro, in alto mare vertenza precari Asp 7

La Cgil intende mobilitare i lavoratori con un si - in a Palermo

Torna in alto mare la vertenza dei precari dell’Asp 7 di Ragusa. L’accordo raggiunto a Palermo non ha trovato conferma a Ragusa ed i cento lavoratori interessati tra cuochi, operai ed ausiliari non ha ricevuto nessuna chiamata. Grande il disappunto dei precari ma anche della Cgil che su questo accordo ha scommesso tanto.

Spiega la situazione il responsabile del settore sanità della Cgil Angelo Tabbì: «Dopo aver constatato che non erano partite le chiamate per l´avviamento al lavoro di circa cento lavoratori precari, come stabilito nella riunione di Palermo con la task force regionale, abbiamo parlato con il manager Ettore Gilotta, che ci ha informato che non avrebbe assunto nessuno se prima non avesse avuto la copertura finanziaria dalla Regione».

La copertura era stata garantita nella riunione di mercoledì ma l’Asp avrebbe dovuto relazionare all’assessorato regionale, cosa che non ha fatto. Dice ancora Tabbì: « Abbiamo informato i componenti della task force regionale di quanto avveniva a Ragusa e della nostra decisione di intraprendere nuove e più dure azioni di lotta».

Il primo passo è stata l´assemblea tenutasi ieri mattina nella sede della Cgil. A Palermo, nello stesso tempo, si è cercato di correre ai ripari, convocando per lunedì una nuova riunione a Palermo per chiudere la vicenda possibilmente nella stessa giornata.

La Cgil non demorde ed è intenzionata a portare a Palermo tutti i precari se la situazione non si dovesse sbloccare.


E la lotta continua.
01/10/2011 | 13.26.25
Giorgio

Voglio ringraziare di cuore i giornalisti che seguono questa vicenda,dato che sono direttamente interessato,ed è importantissimo che i Ragusani sappiano da chi è gestita la sanità in questa provincia..