Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:21 - Lettori online 1237
RAGUSA - 30/09/2011
Attualità - La direttrice dell’Usr ha incontrato i dirigenti scolastici della provincia al Liceo Umberto 1°

Altomonte: "Disponibile ad aiutare la scuola iblea"

La funzionaria ha poi ricevuto una delegazione di precari in protesta da un mese

Maria Luisa Altomonte ha cominciato da Ragusa il suo tour delle nove provincie siciliane. Approfittando del convegno sulla Riforma che si tiene in questi giorni a Borgo Don Chisciotte la Altomonte ha incontrato tutti i dirigenti scolastici della provincia nell’aula magna del Liceo Classico «Umberto I° a Ragusa.

La dirigente dell’Ufficio scolastico Regionale ha mostrato grande disponibilità ed ha chiuso la giornata ricevendo una delegazione di precari che da oltre un mese è in presidio permanente davanti al Csa di Ragusa. Davanti ai lì dirigenti scolastici la Altomonte ha esordito dicendo che si farà interprete presso il Ministero dei bisogni della scuola iblea così come rappresentanti dai dirigenti.

"E’ necessario tuttavia – ha detto la funzionaria - senso di responsabilità e concretezza da parte di tutti; bisogna rendersi conto che la situazione non è la stessa di venti anni fa, agendo di conseguenza. Capisco i vostri problemi Ed il nostro programma prevede anche un rinnovamento strutturale dell´Ufficio scolastico regionale per favorire un´interlocuzione diretta che superi le estenuanti procedure burocratiche spesso causa di stallo ed incomprensioni».

A margine dell´incontro, la Altomonte ha ricevuto i precari della scuola, in presidio permanente da 31 giorni di fronte al Provveditorato: «Abbiamo ottenuto 150 posti in più oltre ai 140 già avuti in precedenza – ha concluso la Altomonte – Subito dopo questa ripartizione, che terrà conto delle esigenze anche del territorio ibleo, faremo un´ulteriore ricognizione negli istituti per chiedere, se necessario, nuovi posti aggiuntivi».