Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 667
RAGUSA - 21/09/2011
Attualità - Via alla fase progettuale per la prima area industriale

Ecosostenibilità nel Mediterraneo con il progetto Meid

L’area pilota avrà un’estensione di 117 ettari
Foto CorrierediRagusa.it

Un «Ecopark» nascerà all’interno della zona industriale del Consorzio Asi di Ragusa e sarà la prima area industriale ecosostenibile del Mediterraneo. Sorgerà alla quinta fase e si estenderà per 117 ettari. Sarà un’area pilota. Si potranno insediare imprese che useranno materiali a basso impatto ambientale e opereranno interventi tesi alla riduzione delle emissioni in atmosfera, al riciclo dei rifiuti, all’energia alternativa. Dovranno attenersi a regole che saranno redatte da un gruppo di esperti e che diventeranno modello su scala europea grazie al progetto M.e.i.d. (Mediterranean Eco Industrial Development) che ha come ente capofila l’Enea, come partner italiani il Consorzio Asi di Ragusa e la Fondazione Fenice di Padova e poi altri sei Paesi europei (Spagna, Grecia, Francia, Bosnia Herzegovina, Malta).

A Ragusa, nell’attrezzata sala multimediale dell’Asi, si è svolto il convegno internazionale dal titolo «Elementi di sostenibilità nella progettazione di aree ed edifici industriali» al quale hanno preso parte esperti italiani e stranieri per analizzare assieme alcune delle prime esperienze svolte in Europa, da implementare o da continuare a sperimentare, per la nascita di nuove aree industriali ecosostenibili. Dalla Spagna, Patxi Hernández di Tecnalia ha mostrato alcuni elementi di progettazione ed esempi pratici per edifici industriali ecosostenibili. In Spagna si è cercato di sviluppare un parallelismo tra il sistema ecosostenibile da realizzare e il sistema ecologico chiuso con un ciclo di rifiuti industriali che diventano risorse per altre aziende.

«Siamo agli inizi – ha detto Hernández – stiamo lavorando molto sulle nuove aree industriali, cioè su quelle che devono ancora nascere e sulle quali si potrà intervenire in modo adeguato fin dalla progettazione». Dalla Francia, Francois Tamarelle ed Elena Murzakaeva di Skema hanno parlato della gestione delle acque nelle are industriali nella regione Paca dove è nata una piattaforma interattiva capace di mettere in comunicazione tra loro le compagnie interessate alla gestione attiva delle risorse idriche.

Ad aprire i lavori sono stati i vertici del Consorzio Asi di Ragusa, e in particolare il presidente Rosario Alescio e il direttore Franco Poidomani. Alescio ha rimarcato l’importanza dell’attuazione del progetto M.E.I.D., finanziato con fondi europei del programma operativo Med, che permetterà di far nascere a Ragusa un’area industriale ecosostenibile che sarà area pilota rispetto al resto d’Europa e che prevede non solo una differente pianificazione di natura urbanistica ma anche l’attivazione di finanziamenti europei che potranno generare nuove risorse attraverso il coinvolgimento delle imprese che si occupano di pannelli fotovoltaici o di materiali a basso impatto ambientale. «Una vera occasione di crescita per il nostro territorio – spiega il presidente Alescio – ma anche la voglia di tutelare il più possibile l’ambiente senza impedire lo sviluppo. Da Ragusa parte un’area pilota che sarà esempio per altre realtà industriali».

E anche la Regione Sicilia, rappresentata da Giovanni Giammarva dell’ufficio di gabinetto dell’Assessorato regionale alle Attività Produttive, guarda con grande attenzione all’esperienza che sta portando avanti l’Asi di Ragusa. Interessanti contributi sono arrivati anche dagli altri relatori come Maria Anna Segreto dell’Enea che ha parlato degli incentivi e delle norme attuali in Italia. Danilo Franchi di Energo si è occupato della certificazione che sarà necessaria per le imprese che si insedieranno nelle aree industriali ecosostenibili.

Giuseppe Trombino, presidente Inu Sicilia, ha parlato della nuova pianificazione urbanistica in base alle nuove regole mentre a scendere nei dettagli su «Ecopark», l’area pilota che sorgerà a Ragusa, è stato il consulente tecnico Giovanni Iacono, di Svimed che ha ricordato che sarà un sistema industriale progettato per gli scambi energetici e dei materiali, che andrà a minimizzare l´utilizzo di energia e di materie prime, riducendo la produzione di rifiuti e sviluppando al suo interno relazioni economicamente, ecologicamente e socialmente sostenibili.

Nella foto in alto, il presidente dell´Asi Rosario Alescio apre il convegno