Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1327
RAGUSA - 29/08/2011
Attualità - Dopo la funzione religiosa alle 17.30 in cattedrale solenne processione

E´ la festa del patrono, S. Giovanni abbraccia la città

L’ultimo atto della giornata lo spettacolo pirotecnico ddi mezzanotte dal ponte S. Vito

E’ il giorno di S. Giovanni. Una giornata tutta dedicata al santo patrono, di grande religiosità e coinvolgimento della città. Il rientro dalle residenze estive è cominciato proprio in coincidenza della festa e la città ha ricominciato ad assumere il suo vero volto. Il simulacro del santo è rientrato ieri sera alle 21.30 dalla chiesa del Salvatore, salutato dai giochi pirotecnici.

Oggi alle 17.30 la solenne messa presieduta dal vescovo, Mons. Paolo Urso. Poi la processione formata esclusivamente dai fedeli con torcia votiva; ci saranno i devoti che seguiranno il simulacro a piedi nudi in segno di ringraziamento per una grazia ricevuta o per chiederne una al protettore della città.

Solo alla fine della lunga teoria dei ceri, si muoverà il simulacro del Battista, preceduto dal vescovo Paolo Urso, dal clero e dalle autorità cittadine. Il rientro in Cattedrale non avverrà prima delle 22. I fuochi pirotecnici saranno esplosi sul ponte San Vito e saranno visibili sia dal sagrato della Cattedrale che dal ponte di via Roma. Prima del rientro in chiesa, il vescovo Urso porterà il saluto alla città. Per la prima volta la processione attraverserà il Ponte vecchio nel percorso di avvicinamento della processione verso la cattedrale.

L´ultimo atto della festa è in programma a mezzanotte con lo spettacolo pirotecnico curato dalla ditta "Fuochi Chiarenza", che ha nel suo curriculum anche un successo al campionato mondiale "Fiori di fuoco" del 2003. Anche questi saranno esplosi sul ponte San Vito e per goderne una visione ottimale bisognerà trovare posto sugli altri due ponti cittadini.