Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:11 - Lettori online 1753
RAGUSA - 22/08/2011
Attualità - A Marina di Ragusa è rivolta, le ordinanze sindacali non vengono fatte rispettare

Incubo movida a Marina di Ragusa, residenti arrabbiati

Interessata una larga fascia del centro marinaro con epicentro Piazza Duca degli Abruzzi Foto Corrierediragusa.it

E’ sempre guerra tra i residenti ed i titolari dei locali notturni a Marina di Ragusa. Impossibile riposare di notte per gli effetti della movida che si protrae fino a note fonda. Da via Tindari a via Napoli, a piazza Duca degli Abruzzi, i cittadini lamentano anche schiamazzi notturni e troppi giovani in preda ai fumi dell’alcol. Una movida da incubo per i tanti residenti che già lo scorso anno avevano inoltrato un esposto alla Procura della Repubblica e al comandante della Polizia municipale.

Dicono i residenti: «Siamo esasperati. La movida è oramai tutte le sere. Non riusciamo a riposare la notte perché il nostro quartiere si è trasformato in un mega bivacco. Centinaia di giovani stazionano dinanzi alle nostre abitazioni e la filodiffusione dei locali pubblici, fino a tarda notte, disturba, e non poco, quanti, e sono tanti, dovrebbero riposare perché al mattino devono alzarsi per andare a lavorare». Una convivenza sempre più difficile tra i gestori dei locali pubblici e i residenti.

Ed ancora: «La notte è un incubo; musica assordante, schiamazzi e urla lungo le stradine; i commercianti hanno il diritto di lavorare ma devono rispettare regole e ordinanze e quanti vivono nel centro storico. Ogni notte è un incubo: musica assordante, schiamazzi e urla lungo le stradine amplificate dalla configurazione delle arterie stradali».

Nell’ordinanza emanata dal sindaco, già lo scorsa estate, è previsto il divieto di somministrazione di superalcoolici dopo le ore 2, mentre per quanto riguarda gli alcolici è possibile la somministrazione fino alle ore 3. Per quanto concerne invece gli impianti di filodiffusione in dotazione dei locali pubblici, che devono essere a noma di legge, l’ordinanza prevede il loro utilizzo da domenica a giovedì fino all’una di notte, mentre il venerdì ed il sabato fino alle ore 2.

I divieti, dunque, ci sono ma chi li fa rispettare ? Il comandante della Polizia municipale, Rosario Spata, assicura che i controlli sono capillari e le multe molto salate per coloro che non rispettano le ordinanze. «Non mi risulta che ci siano locali che non rispettano le ordinanze – dice il comandante Spata - ad ogni modo i controlli saranno ulteriormente intensificati. E’ probabile, invece, che siamo in presenza di rumore antropico causato da fattori esterni tipo la presenza di decine di giovani all’interno di stradine strette. In questo caso anche il vocio si amplifica a dismisura».


via tindari isola felice
25/08/2011 | 14.52.03
franco

ormai ogni notte in via tindari concertino fai da te dalle 2.30 con chitarre e tamburi...naturalmente molto alcool e tante tante canzoni dal vivo fino alle 6.00 del mattino......potrebbe sembrare un invito ma è solo e purtroppo cruda realtà.....chi vuole divertirsi vada in via tindari potrà fare quello che vuole fino all´alba....altro che controlli !
è da tanto tempo che le persone non credono più alle favolette!


Allo scandalo non c´è fine
25/08/2011 | 11.50.41
italiano stufo

Allo scandalo non c´è mai fine
Leggete questo articolo

http://vergognarsi.it/2011/08/24/quali-tagli-alle-spese-crosta-va-in-pensione-con-1-369-euro-al-giorno/

Siamo messi davvero male.............


MA PENSA......
24/08/2011 | 18.25.31
salvuccio

una nota alquanto simpatica, la dichiarazione del comandante dei VV.UU che riporto tra virgolette:"E’ probabile, invece, che siamo in presenza di rumore antropico causato da fattori esterni tipo la presenza di decine di giovani all’interno di stradine strette. In questo caso anche il vocio si amplifica a dismisura».

Comandante, con tutto il rispetto, ce ne vuole a scambiare i bassi degli aplificatori che superano i decibel consentiti, e la voce della gente...magari i giovani useranno chitarre elettriche e tastiere elettroniche per comunicare tra di loro? e magari, con una sequenza di brani anni ´70/80, nelle serate VINTAGE?


controlli
24/08/2011 | 12.52.32
ragusano

a dire il vero i controlli in via tindari e lungomare nuovo (o vecchio) sono stati fatti. vedevo sempre polizia municipale e polizia statale entrare nei locali per controllare se effettivamente venivano rispettati le norme. il problema baldoria diviene dai ragazzi che sostano in quelle zone, e o bevono o non bevono, per forza di cosa si trovano a parlare, scherzare, talvolta anche alzando la voce, ma gente ubriaca per strada se ne vede poca.


solo doveri e i diritti?
24/08/2011 | 11.22.27
franco

ormai a marina di rg si hanno solo doveri....sarebbe ora di tutelare i propri diritti....visto che qualcuno ha deciso di buttarli nel fondo di un bicchiere di alcool.....purtroppo le generazioni di oggi non capiscono neanche di cosa si stia parlando....e chiaramente qualcuno ne approfitta....ma la vera domanda è chi ha il compito di controllare ....dov´è?
allora forse è vero ciò che scrive peppino....via tindari è esonerata dai controlli....d´altronde è l´unico luogo dove si fa baldoria ininterrotta fino alle 6 del mattino....e senza che nessuno possa dire nulla.....che società! viene proprio da piangere!