Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 751
RAGUSA - 10/08/2011
Attualità - L’iniziativa era stata prima autorizzata dall’amministrazione comunale

Cineforum negato a Marina di Ragusa, protesta di Sel

"Indovina chi viene al cinema" sui temi dell’immigrazione

Cineforum negato a Marina di Ragusa. I giovani di sinistra e Libertà protestano con il sindaco e chiedono a Nello Dipasquale di organizzare la rassegna a settembre in piazza S. Giovanni. «Indovina chi viene al cinema» era stata pensata come una rassegna con otto film da proiettare sul tema dell’immigrazione. L’amministrazione aveva dato il suo parere favorevole già a fine luglio ed i giovani di Sel hanno proceduto all’acquisto del materiale necessario e a promuovere l’iniziativa. Sopraggiungono tuttavia alcuni impedimenti amministrativi legati all’organizzazione delle serate ed il progetto svanisce.

Scrive Gianmarco Dicara: «Ci dispiace constatare come il nostro sforzo e quello dei commercianti di Marina, che si sono messi in gioco dandoci una mano per la realizzazione del cineforum, vengano mortificati dalla sterilità amministrativa concentrata più sull’immobilismo che sull’efficienza.
Non si anestetizza così poco elegantemente la vivacità culturale e sociale dei nostri cittadini più o meno giovani. Dove stanno i principi di supporto, consulenza attiva, funzionalità dell’azienda comunale?
Non sarà che la burocrazia afferente l’ente pubblico alla fine trova il suo status solo nel suo autoalimentarsi, secondo i casi con pastoie lunghe e pedanti, trascurando che il suo scopo fondante è di essere al servizio del cittadino, sia esso fruitore diretto che utente promotore di un esercizio per la città?

Confidando ancora, però, nella «reale» buona volontà del Sindaco e dell’Assessore suddetto, nonché convinti dell’oggettiva bontà e utilità sociale dell’iniziativa, proponiamo di realizzare la rassegna a fine Settembre a Ragusa città, magari in quella piazza San Giovanni che sempre più muta e deserta chiede di riprendere a pulsare, anche con iniziative culturali che la rianimino e la valorizzino come merita il Centro storico di Ragusa.