Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 637
RAGUSA - 27/07/2011
Attualità - Discusso a Palermo lo stato di malessere in cui versa l’ intero tessuto produttivo della Sicilia

Serit "asfissiante", proposta mozione di legge all´Ars

Presenti al vertice l’ Assessore al bilancio Armao, la Direttrice della Serit Cannata, l’ on Orazio Ragusa, il Presidente Unsic Ignazio Abbate e Salvatore Careno in rappresante del Mac

E’ stato discusso a Palermo lo stato di malessere in cui versa l’ intero tessuto produttivo della Sicilia, in particolare le aziende artigiane commerciali e agricole della provincia iblea, le quali si trovano esposte in modo quasi irreparabile nei confronti della Serit Sicilia specialmente per la quota riguardante i contributi previdenziali Inps. La soluzione individuata consiste in una proposta di legge da presentare a breve all’Ars per venire incontro a quanti rischiano la bancarotta, tra aziende e agricoltori. Presenti al vertice l’ Assessore al bilancio Armao, la Direttrice della Serit Cannata, l’ on Orazio Ragusa, il Presidente Unsic Ignazio Abbate e Salvatore Careno in rappresante del Mac.

E’ stato puntualizzato che gli attuali provvedimenti dilazionatori non sono congrui alle esigenze attuali delle aziende e in un momento di crisi economica così ampio, non possono accantonare somme per onorare le rateizzazioni. E’ stata illustrata la proposta di legge che darebbe la possibilità alle aziende di poter ristrutturare le proprie posizioni debitorie nei confronti dell’ Inps non incappando nei vincoli comunitari attualmente presenti. Si è registrata la massima disponibilità sia del Governo Regionale che della Serit a voler intraprendere un percorso legislativo che potrebbe una volta per tutte rendere giustizia alle aziende siciliane. Nei prossimi giorni sarà chiesta un’audizione in commissione per stilare la proposta di legge da inviare successivamente all’ Assemblea Regionale.