Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 572
RAGUSA - 12/07/2011
Attualità - Il voluminoso incartamento del Ppe costa di 3.500 fogli, costati settemila euro

Di Pasquale firma il Piano particolareggiato

Tocca ora alla Regione dare il parere definitivo sul piano peerchè diventi operativo

Nello Dipasquale ha firmato negli uffici comunali di piazza Pola la voluminosa documentazione tecnica del Piano particolareggiato esecutivo dei centri storici, Ppe , oltre 3500 fogli stampati tra tavole, osservazioni e pareri, per una spesa di circa settemila euro. L’incartamento è stato inviato agli uffici tecnici dell´assessorato regionale al Territorio e ambiente.
L´assessorato sarà ora chiamato a predisporre l´istruzione della pratica per la valutazione del Consiglio regionale urbanistica (Cru).

L´organismo tecnico avrà 180 giorni di tempo per esprimere il proprio parere sul Ppe e giungere alla formalizzazione del piano attraverso un decreto che dovrà emettere lo stesso assessorato al Territorio e ambiente.
Dice il sindaco : «I sette mesi trascorsi tra l´approvazione delle osservazioni in consiglio comunale e l´attuale invio a Palermo sono stati necessari non certo per nascondere il Ppe in un cassetto, come qualcuno aveva ironizzato, ma ad acquisire i pareri del Genio civile, della Soprintendenza e dell´Asp, nonché a predisporre le diverse copie degli elaborati tecnici, per la cui copiatura si è dovuto indire un´apposita gara. Tutti passaggi propedeutici all´invio del piano stesso alla Regione, per giungere all’ approvazione definitiva dello strumento di pianificazione di dettaglio».

Il piano particolareggiato esecutivo dei centri storici è stato approvato esattamente un anno fa dal consiglio; è iniziato poi il lungo iter di acquisizione dei pareri di legge e di realizzazione della voluminosa documentazione tecnica e delle relative copie da inviare a Palermo. Ora tocca alla Regione dare l’approvazione per passare alla fase esecutiva.