Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1407
RAGUSA - 10/07/2011
Attualità - Regolamentate le diffusioni sonore, i lavori nei cantieri e la pubblicità fonica nelle strade

L´ordinanza anti rumori del sindaco Nello Dipasquale

E’ valida in tutto il territorio comunale a cominciare da Marina di Ragusa

Nello Dipasquale ha firmato l’ordinanza anti rumori. Il provvedimento regolamenta la vita notturna (e non solo) a Marina e nelle altre località balneari ricadenti nel territorio comunale.

Un provvedimento che ricalca quello dello scorso anno e che ha ad oggetto i «limiti massimi di esposizione al rumore negli ambienti abitativi e nell´ambiente esterno». Si vogliono insomma fare rispettare le regole che assicurano il quieto vivere, mettendo al bando gli schiamazzi notturni (ma anche diurni) e, per certi versi, gli accessi alcolici.

Un´ordinanza che non mancherà di suscitare polemiche, soprattutto da parte degli esercenti di bar e pub, ma che è indifferibile alla luce dell´ormai consolidato malvezzo secondo cui il "divertimento" si estrinseca solo e soltanto attraverso l´esplosione dei decibel delle casse acustiche e, soprattutto, tracannando senza freni birra, liquori e cocktail alcolici e superalcolici. C´è anche la necessità di fronteggiare l´abitudine dei giovani di far tardi la notte, con gli inevitabili schiamazzi che rendono, però, impossibile l´ancor più legittimo diritto al riposo notturno dei residenti.
Queste le considerazioni su cui si basa l´ordinanza di Dipasquale, cui seguirà, probabilmente già nei prossimi giorni, un´altra specifica sulla somministrazione degli alcolici.

Ecco dunque cosa prevede l’ordinanza DiPasquale: fino al 30 settembre le diffusioni sonore, nei pubblici esercizi, nei luoghi pubblici e nei locali potranno essere effettuati, dalla domenica al giovedì, dalle 10 alle 13 e dalle 18 alle 24, con prolungamento sino alle 2 per le emissioni che «saranno significativamente abbattute».
Un limite che viene prorogato sino alle 3 di notte il venerdì ed il sabato. Il 10-14-15 agosto, nonché nella serata conclusiva dell´«Arrivederci all´estate», inoltre, musica tollerata sino alle 3.
Regolamentata anche la pubblicità fonica sulle strade, consentita in forma itinerante dalle 9.30 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 20, nonché l´attività da cantiere, tollerata dalle 8 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 20.


non dicevano che marina di ragusa aveva la vocazione turistica ????
11/07/2011 | 20.58.03
wollace

Caro Nello DiPasquale
Siamo lontani dalla marina di Ragusa con vocazione turistica... questo è turismo residenziale. Peccato che grazie a questi scalmanati i residenti si sono visti rivalutare le abitazioni ! gRAZIE SINDACO.


caro sindaco
11/07/2011 | 20.15.30
DAVIDE

mi chiedo: ma l´ordinanza vale anche per l´azienda ecologica BUSSO,la quale inizia alle 2:00 di notte con i cosidetti soffiatori, per pulire le strade? Sono garantiti i 100 db, e vorrei vederli al posto di chi abita ai piani bassi.


e i controlli per il rispetto dell´ordinanza?
11/07/2011 | 16.40.11
franco

purtroppo le intenzioni sono delle migliori......in pratica però senza un controllo quotidiano e soprattutto notturno...sono semplicemente lettera morta....basta chiedere ai villeggianti e ai residenti della zona centro di marina di rg e ci si renderà conto che prima dell´alba è impossibile chiudere occhio....schiamazzi...risse.. bottiglie di vetro rotte..per non parlare dei danneggiamenti subiti alle abitazioni....strade praticamnete bloccate..mezzi di soccorso impossibilitati ad intervenire...tutto ciò è realtà quotidiana!
che si facciano i controlli e si sanzionino i trasgressori...solo così si può risolvere un caos che puntualmente si verifica ogni estate....e visto che tutti i cittadini pagano le tasse e hanno il diritto al riposo...sarebbe giusto intervenire con fatti concreti e risolutori! una volta per tutte!! sarebbe ora caro sindaco! il turismo deve essere civile e rispettoso delle regole....quando non lo è....non è turismo!