Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:02 - Lettori online 1052
RAGUSA - 20/06/2011
Attualità - La prova di Italiano per l’esordio dei maturandi, giovedì quella di indirizzo, lunedì la terza prova

Oggi è il giorno degli esami di Stato per 3 mila studenti

Oggi sono previste sei ore per svolgere il tema proposto dal Ministero

E´ il giorno degli esami. Si parte con la prova di Italiano che i tremila studenti della provincia di Ragusa che affrontano l´esame di Stato dovranno svolgere entro sei ore. La macchina degli esami di stato si è messa in moto. In provincia di Ragusa operano 81 commissioni con 700 docenti impegnati tra membri esterni ed interni. Gli studenti da esaminare sono in tutto tremila oltre a 180 privatisti.

I presidenti di commissione hanno preso atto dei docenti assenti ed hanno comunicato i loro nomi in modo che possa essere ripristinata l’integrità della commissione esaminatrice entro mercoledì da parte della task force che è stata insediata presso ogni ufficio provinciale scolastico.

La prova di Italiano è comune a tutti gli indirizzi mentre giovedì è in programma la seconda prova scritta di indirizzo, Matematica allo scientifico, Latino al classico e Lingua straniera al liceo linguistico. Lunedì 27, la pratica degli scritti si chiude con la terza prova; questa è predisposta la mattina stessa dalla commissione. Dopo un minimo di due giorni, necessari per la correzione delle prove scritte, potranno avere inizio i colloqui orali sulla base del calendario che le commissioni appronteranno al loro insediamento. Ogni commissione esamina due classi per cui è ipotizzabile che gli esiti degli esami di stato potranno conoscersi dal 10 luglio in poi.

In queste ore naturalmente tiene banco il toto tema ed il pensiero più ricorrente va ai 150 anni dell’Unità d’Italia. Si fanno previsioni anche sul nucleare, sulla figura di Giovanni Paolo II e sull’ambiente. Ogni anno tuttavia i pronostici sono stati disattesi per cui sarà meglio fare affidamento sulle proprie capacità e sullo studio svolto nel corso dell’anno per evitare sorprese.