Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 438
RAGUSA - 12/06/2011
Attualità - Oltre quattro milioni di euro il costo della sistemazione di tutta l’area

Riaperta la grande rotatoria di contrada Mugno a Ragusa

Attesa la sistemazione a verde e l’arredo della porta di ingresso della città

La rotatoria di contrada Mugno, nei pressi del complesso Asi, è stata riaperta al traffico. La rotatoria consente l´accesso diretto nell´area della cittadella sportiva e nei grandi quartieri residenziali della stessa zona, per quanti provengono dalla Ragusa-mare e dalla statale che collega il capoluogo al mare, a Catania e a Modica. L’ apertura consente agli automobilisti di evitare di entrare nella zona industriale con un percorso tortuoso e lungo che è stato croce e delizia di questo ultimo anno.

La rotatoria si presenta completa in ogni direttrice di marcia, ha anche rifatto il look e garantisce i deflussi veicolari, in ogni senso di marcia, in assoluta sicurezza. Tutto da inventare l’arredo ed il verde della rotatoria anche se l’amministrazione pensa già a qualche sponsor privato.

Il completamento e la riapertura della rotatoria di contrada Mugno sono stati fortemente voluti dal presidente dell´Asi, Rosario Alescio, e dal direttore del consorzio Asi, Franco Poidomani. Il più complessivo progetto di ammodernamento dell´intera area, infatti, fu finanziato dopo decennale attesa oltre un triennio fa, per circa 4,3 milioni di euro con fondi ex Casmez. Per gli ultimi lavori, l´Asi ha anticipato altri 200 mila euro che si assommano alla spesa più che doppia effettuata lo scorso anno: «L´ex Casmez – asserisce l´ingegnere Franco Poidomani – continua a fare orecchie da mercante, ma il sottoscritto, che si assunse già due anni fa la responsabilità di far partire i lavori ed il neo presidente Rosario Alescio, non potevamo certo lasciare l´opera a metà. Ancora una volta, abbiamo bruciato i tempi per non penalizzare l´utenza e completare sostanzialmente un´infrastruttura cruciale per la viabilità in entrata ed uscita dalla parte sud della città».

Come accennato, la rotatoria fa parte di un progetto più complessivo che riguarda anche i due cavalcavia che insistono nell´area e, più in generale, il restyling di tutto il centro sociale dell´Asi e del piazzale intitolato a Cesare Zipelli. La più complessiva e generale ipotesi progettuale ottenne un finanziamento di oltre 4 milioni e 300 mila euro dal ministero per le Infrastrutture, con fondi a valere sull´ex Casmez. Il progetto, tra l´altro, prevede anche l´abbattimento dell´attuale recinzione dell´area che ospita gli immobili di servizio.


13/06/2011 | 16.01.01
jo 69@hotmail.it

soldi buttati uno spartitraffico poteva salvare la vita di quella ragazza ma per i ragusani contano solo le rotonde magari con una bella fontana


12/06/2011 | 14.59.40
Peppe

Finalmente, era ora!