Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 19:51 - Lettori online 1181
RAGUSA - 11/06/2011
Attualità - Dopo 210 giorni di lezioni

Scuole chiuse. Si torna tra i banchi il 15 settembre

Da oggi pomeriggio tutti gli studenti vanno in vacanza tranne il mezzo milione di giovani che saranno impegnati negli esami di stato che cominciano il 22 di questo mese

Dopo 210 giorni di lezioni chiude oggi la scuola. Da oggi pomeriggio tutti gli studenti vanno in vacanza tranne il mezzo milione di giovani che saranno impegnati negli esami di stato che cominciano il 22 di questo mese. Solo da metà della prossima settimana studenti e famiglie conosceranno gli esiti degli scrutini che cominciano oggi in tutti gli istituti. Le operazioni dovranno concludersi entro sabato prossimo e comunque prima dell’insediamento delle commissioni degli esami di stato previsto per lunedì 20.

L’anno che si chiude non ha grandi motivi di essere ricordato soprattutto per i giovani precari che non hanno trovato lavoro e rischiano anche il prossimo anno di dover restare a casa o costretti a lavori rimediati. Gli organici di docenti e personale amministrativo subiranno infatti ulteriori tagli a causa dell’entrata a regime dei nuovi orari di cattedra previsti dalla riforma Gelmini per le scuole superiori. E’ stato anche l’anno dell’introduzione in modo sistematico della valutazione degli apprendimenti da parte dell’Invalsi, l’istituto che si occupa della certificazione delle competenze.

Per gli studenti delle medie e delle superiori sono state previste prove uniche nazionali in italiano, matematica e scienze, i cui esiti si conosceranno entro l’anno solare e che potranno dare una fotografia minimamente oggettiva delle conoscenze e delle competenze acquisite. Queste prove sono state contestate dai docenti perché ritenute da molti poco probanti anche se si tratta di un primo, timido, passo verso la valutazione dei singoli istituti.

Si chiude un anno caratterizzato dal ridimensionamento dei servizi nelle scuole dell’obbligo come il tempo pieno, con istituti che hanno avuto sempre meno risorse per organizzare corsi ed approfondimenti. Gli studenti si ritroveranno a scuola il prossimo 15 settembre data fissata dall’assessore regionale all’istruzione per l’inizio dell’anno scolastico che chiuderà il 12 giugno del 2012.

Il nuovo calendario prevede un´interruzione delle lezioni in occasione delle vacanze natalizie, dal 23 dicembre al 7 gennaio 2012, con rientro a scuola il 9 gennaio; mentre le vacanze pasquali andranno dal 5 al 10 aprile 2012. Il 15 maggio è prevista la festa dedicata all´autonomia siciliana.

L´assessore regionale Centorrino ha disposto la ripartizione delle somme per l´ordinaria manutenzione delle scuole dell´obbligo e materne, e per il funzionamento per scuole di ogni ordine e grado del territorio regionale. I provvedimenti ammontano rispettivamente a 1 milione e 40 mila euro e 32 milioni e 400 mila euro, con un incremento di spesa del 15% rispetto al 2010.