Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 17:16 - Lettori online 1131
RAGUSA - 10/06/2011
Attualità - Un incontro fissato tra il 23 e il 24 giugno per mettere nero su bianco gli impegni assunti

Nino Minardo e Di Raimondo insieme per l´università iblea

Il parlamentare ha assicurato il suo impegno personale ed assoluto per il futuro dell’università

«L’Università Iblea deve essere un’occasione unica di crescita e sviluppo che tenga conto delle peculiarità del nostro territorio». E’ il pensiero del deputato nazionale del Pdl Nino Minardo, secondo cui «Questo deve essere lo spirito guida di tutta la classe politica iblea». Per risollevare il futuro poco roseo dell’università iblea, Minardo ha assicurato il suo impegno personale ed assoluto volto a far sì che gli studenti iscritti alle facoltà di giurisprudenza ed agraria, che frequentano i corsi accademici a Ragusa, possano concludere nella sede universitaria iblea i loro corsi di studi, senza trovarsi costretti a trasferimenti fastidiosi a Catania.

«In questi giorni – scrive Minardo in una nota – sono stato a Roma con il presidente del Consiglio d’amministrazione del Consorzio Universitario Ibleo Enzo Di Raimondo, per affrontare quella che è un emergenza e percorrere ogni strada per risolverla». A questo proposito il parlamentare rende note le rassicurazioni ricevute dal rettore dell’università di Catania Antonino Recca, volte a garantire agli studenti universitari iblei delle due facoltà la conclusione dei loro studi a Ragusa, dove hanno cominciato lo studio. Un incontro fissato tra il 23 e il 24 giugno fra i rappresentanti del Consorzio Universitario Ibleo, quelli dell’Università di Catania e i funzionari del Miur servirà per mettere nero su bianco gli atti che possano garantire il perseguimento di questo obiettivo, come confermato dallo stesso Enzo Di Raimondo, che si dice soddisfatto.