Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:23 - Lettori online 380
RAGUSA - 07/05/2011
Attualità - Il Cipe dà l’ok all’accordo di programma tra Ministero Infrastrutture e Regione Sicilia

Piano casa al via in provincia, 124 alloggi "low cost"

Quattro i comuni interessati, Comiso, Modica, Pozzallo e Scicli

Il Cipe dà il via al piano casa per il sud. L’accordo di programma tra il ministero delle Infrastrutture e la regione Sicilia ha avuto il parre favorevole del Cipe e prevede per la Sicilia è risorse destinate alla realizzazione di 602 alloggi, 360 dei quali godranno di contributi pubblici, con una parte a carico dei privati, l´edilizia residenziale sociale (il cosiddetto social housing).

In provincia di Ragusa le proposte ammesse a finanziamento e destinate ad anziani, giovani coppie,immigrati, rientrano nei comuni di Modica,Comiso, Scicli e Pozzallo. Sebastiano Failla, che in qualità di vice coordinatore provinciale di Forza del Sud ha seguito la vicenda, precisa che
57 alloggi sono previsti a Modica (42 alloggi con canone sostenibile e 15 realizzati senza contributo), 25 a Scicli più 16 realizzati da privati e senza contributi), 24 a Pozzallo a canone sostenibile), 18 a Comiso a canone sostenibile più 21 realizzati da privati e senza contributo.

Gli alloggi realizzati con i contributi pubblici dovranno essere locati a canone concordato per un periodo non inferiore a 25 anni, mentre per gli altri, sara´ possibile decidere se vendere o affittare, anche se a prezzi calmierati». Si tratta di alloggi "low cost" per chi, pur disponendo di redditi superiori a quelli che danno diritto all´assegnazione di edilizia residenziale pubblica, non ha la possibilità di acquistare o affittare una casa a prezzi di mercato. Famiglie monoreddito, pendolari, studenti fuori sede, immigrati, che in Sicilia rappresentano la fascia maggioritaria della popolazione».