Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:15 - Lettori online 1059
RAGUSA - 06/05/2011
Attualità - Circa 1500 partecipanti al corteo che ha attraversato il capoluogo

Lo mobilitazione della Cgil incentrata su lavoro e giovani

Il segretario regionale Riolo ha toccato il tema della questione morale nell’intervento conclusivo
Foto CorrierediRagusa.it

Quasi mille 500 persone si sono radunate in piazza Cappuccini; nel corteo i ragazzi delle rete e dell’unione degli studenti, poi quelli della funzione pubblica, con una forte rappresentanza di precari delle cooperative sociali e dell’ASP, della FLC, della Filctem, della Fiom, dei pensionati dello SPI, della Fillea e della Flai, la Filcams, la Fisac e poi le Camere del Lavoro della provincia con i dirigenti in testa.
Presenti anche i dirigenti della sinistra dal PD, al SEL, alla FED e l’IDV, i rappresentanti il Forum dell’Acqua e dell’associazione Libera.

Tutti hanno attraversato le vie della capoluogo , colorandole di bandiere accompagnando il percorso con slogan contro il Governo e Berlusconi e l’immancabile tiro a segno contro la Gelmini, sino a fare ritorno in Piazza Cappuccini dove hanno parlato Giovanni Avola, segretario generale della CGIL di Ragusa, che ha invitato l’unità dei lavoratori richiamando CISL e UIL a stare insieme alla CGIL sui temi di fondo in cui ci si trova d’accordo: Fisco, Piano per il lavoro e politica dei redditi.

Sul fronte locale ha rimarcato come la CGIL di Ragusa è per la difesa sulla legge su Ibla, frutto di una scelta politica intelligente che va preservata e recuperata non solo al patrimonio tardo barocco ma anche alla forza lavoro.
Sul palco si sono alternati lavoratori del precariato sociale che si battono contro le loro incertezze e per un salario dignitoso e malgrado tutto continuano a lavorare, con stipendi arretrati, con professionalità, quelli del Forum dell’Acqua che puntano alla difesa dei referendum e contro le politiche del Governo che cerca di delegittimare l’iniziativa referendaria per scoraggiare la partecipazione al voto. Sviluppo delle imprese e difesa dei posti di lavoro il tema trattato dalla Filctem nel mentre Michele Palazzotto, segretario regionale della FP CGIL denuncia il fenomeno allarmante dei trenta mila giovani che abbandonano la Sicilia per cercare lavoro altrove e un giusto riconoscimento professionale.

Antonio Riolo, segretario regionale della Cgil, ha chiuso la mattinata parlando di Lampedusa, di finanziaria regionale, che non si fa impegnando duecento milioni di euro per il mantenimento dell’ARS. Ai giovani, infine, ha fornito un consiglio: «Prendetevi la storia della CGIL e appropriatevi dello Statuto dei lavoratori e su questi costruite il vostro futuro». L’appello finale è stato la sintesi della giornata: «Bisogna ritrovare la dignità della persona e del lavoro con il sindacato che deve marcare la scelta della strada in mezzo alla gente e del confronto sulle drammatiche questioni del reddito, dell’occupazione soprattutto giovanile e per il superamento di una precarietà che è il vero cancro della società italiana e siciliana in particolare. Oggi ci si ritrova a fare i conti con una questione morale che non può essere fronteggiata solo dalla magistratura ma da una seria e rigorosa azione politica rivolta all’interesse comune a partire dai più deboli e dai più bisognosi.»