Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 587
RAGUSA - 25/04/2011
Attualità - Ragusa: la commemorazione del 25 Aprile in onore dei caduti

Ragusa e Modica hanno ricordato la festa della Liberazione

A Pozzallo nel pomeriggio presidio anti razzista al lungomare Pietrenere Foto Corrierediragusa.it

La festa della Liberazione nel giorno di Pasquetta. La giornata è inizaita con due cerimonie ufficiali nel capoluogo ed a Modica per ricordfare la festa della Liberazione. Nel capoluogo la cerominiaa si è tenuta alle 9 anche per favorire l’esodo verso il mare e la campagna nonostante la giornata ventosa. Alll’appuntamento in piazza Gramsci presenti rappresnetanti civili e militari con il sindaco Nello Dipasquale che ha deposta un cuscinetto di fiori e corone di alloro ai piedi della stele all´Unità d´Italia ed alla lapide che ricorda le gesta del tenente Emanuele Lena. Il momento centrale è stato presso il monumento ai caduti sul sagrato di San Giovanni alla presenza del prefetto Francesca Cannizzo.

A Modica il 25 Aprile è stato ricordato dall’amministrazione comunale con la deposizione di una corona d’alloro al Monumento ai Caduti.
Presenti il sindaco, Antonello Buscema (nella foto), il suo vice Enzo Scarso, il parlamentare regionale Riccardo Minardo, rappresentanti delle forze dell’ordine, Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, assessori e consiglieri comunali e cittadini.

Il primo cittadino, nel suo breve intervento, ha rimarcato il sacrificio di quanti a prezzo della vita, soprattutto giovani, si batterono per un’Italia libera, democratica e unita e per ridare un futuro di progresso al Paese dopo averlo liberato dalla dittatura fascista.

A Pozzallo è invece previsto un presidio anti razzista al lungomare Pietrenere dalle 18.30 a cura di Libera, Cgil e associazioni culturali e sindacali.